98zero

Aquino plaude all’Unione dei Commercianti: “Finalmente un interlocutore unico”

Patti – La nuova associazione dei commercianti ha incontrato il favore del primo cittadino: “Pronti ad iniziare una sinergia positiva”.

«Finalmente un interlocutore unico che possa mediare le esigenze di tutti». Queste le parole del sindaco Mauro Aquino a commento della recente nascita della “Unione dei commercianti pattesi”, la nuova associazione cittadina presieduta dal giovane Teo Cafarelli e che punta a riunire gli operatori commerciali in un unico soggetto in grado di sintetizzarne le istanze di fronte ai vertici comunali.

«Non vedo l’ora – ha detto il primo cittadino – di incontrare l’Unione per raccogliere sollecitazioni e iniziare una sinergia positiva con gli addetti di un settore fondamentale per l’intera economia cittadina, superando finalmente anacronistici campanilismi interni che negli anni hanno solo prodotto polemiche e sterili recriminazioni». Il riferimento è a una certa “lontananza”, non solo geografica, che negli anni ha contraddistinto l’agire di tanti commercianti che operano in zone cittadine distanti tra loro e che spesso ha generato qualche polemica su una presunta attenzione riservata dall’amministrazione comunale ai commercianti della frazione Marina, a discapito degli esercenti del centro. «Niente di più falso» è il commento di Aquino, secondo cui la vivacità dei gestori di alcune attività commerciali situate sul lungomare ha prodotto un inevitabile gap tra Patti Marina e centro cittadino, spingendo i pattesi, soprattutto i più giovani, a frequentare sempre più assiduamente la frazione balneare, accelerando inesorabilmente il fenomeno di desertificazione del centro. «Dal canto nostro – ha assicurato il sindaco – continueremo a lavorare su politiche di sviluppo che possano generare ricadute positive sull’intero settore. Lungi da noi creare divisioni favorendo una zona piuttosto che un’altra».

Nel frattempo – mancherebbe solo l’ufficialità – un’iniziativa analoga a quella dei commercianti starebbe per nascere anche all’interno del settore turistico, con gli operatori pronti a lanciare un soggetto unitario in grado di farsi portavoce delle esigenze di chi gestisce hotel, b&b, residence e attività di ristorazione. «Mi auguro – ha affermato il sindaco – che con la nascente associazione si possa improntare un confronto su dati concreti e prospettive serie di sviluppo, crescita e miglioramento, allontanando rivendicazioni di principio e a carattere personale».

Continua a leggere altre notizie su
Patti