98zero

Germanà interroga il Governo su potenziamento Vigili del Fuoco Messina. Ma per il Ministro Fraccaro va bene così

Roma – L’Onorevole Antonino Germanà, deputato di Forza Italia, ha interrogato il Governo Nazionale sulla necessità di potenziare il corpo dei Vigili del Fuoco in Provincia alla luce anche del tragico episodio di Messina quando un incendio in un’abitazione di Via dei Mille è costato la vita a due bambini.

“Il 15 giugno è una data che difficilmente Messina potrà dimenticare, ha esordito Germanà nella sua interrogazione. Il rogo nel cuore della notte ha ucciso due meravigliosi fratellini. Lungi da me attribuire responsabilità all’eroico corpo dei Vigili del Fuoco ma secondo alcune testimonianze a causa di carenza di mezzi e di personale e di una autoscala non idonea forse si poteva fare di più. Nulla potrà lenire il dolore della famiglia. Ciò premesso, conclude Germanà, chiedo al Governo, se non ritiene di dotare il corpo di mezzi più adeguati al fine di scongiurare il ripetersi di tali tragedie”.

Nella sua risposta il Ministro per i Rapporti con il Parlamento e per la Democrazia Diretta Riccardo Fraccaro ha tenuto ad esporre nei dettagli l’intervento dei Vigili del Fuoco di Messina e Milazzo nell’incendio di Via dei Mille nella città dello stretto costato la vita ai due piccoli fratellini. “Dalle informazioni acquisite presso il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, ha risposto Fraccaro, non sono state riscontrate difficoltà da parte delle squadre intervenute e gli stessi mezzi utilizzati sono stati sufficienti ad assicurare la massima efficacia delle operazioni di soccorso. Secondo gli uffici del Ministero dell’interno risulta una carenza del 2,4% di personale nel comando provinciale di Messina e la dotazione è in linea con le altri sedi presenti in Sicilia”.

Germanà si è ritenuto parzialmente soddisfatto della risposta di Fraccaro soprattutto per la seconda parte del suo intervento. “Siamo parzialmente soddisfatti della risposta del governo in merito alla nostra interrogazione sulla tragica vicenda dei due fratellini morti a Messina in seguito ad un incendio. Ai Vigili del fuoco, eroi nazionali, il nostro più sentito grazie. Non siamo alla ricerca di un colpevole, si è trattato di una tragica fatalità, ma riteniamo che una città in lutto meriti una risposta concreta. La sede dei Vigili del Fuoco di Messina, che copre un territorio composto di 108 comuni, risulta sottodimensionato, privo di uomini e mezzi adeguati. Ad oggi, a fronte di 232 unità, distribuite tra sedi centrali e distaccamenti, tra personale in malattia e non idoneo, può contare su 70 unità pienamente operative, a fronte di un territorio vasto e dell’imminenza dell’arrivo della stagione estiva”, ha spiegato Germanà. “Quello che chiediamo, dunque, con quello spirito di collaborazione che deve esserci tra maggioranza ed opposizione, è una maggiore dotazione di personale e mezzi per la città di Messina, adeguati a far fronte all’emergenza e a mettere i nostri vigili del Fuoco nelle migliori condizioni per operare ed affinché non si ripetano tragedie simili”.