98zero

Calogero Barone si dimette dalla carica di Presidente del Consiglio

Galati Mamertino – Il Consigliere galatese Calogero Barone si è dimesso dalla carica di Presidente del Consiglio, presentando un documento nella giornata di ieri al protocollo comunale, per motivi di lavoro.

Calogero Barone era stato nominato Presidente del Consiglio, durante la Seduta Consiliare del 20 Giugno 2016, in cui aveva ottenuto l’elezione all’unanimità con i voti favorevoli di tutti i Consiglieri.

L’ex Presidente del Consiglio Barone ha affidato il suo pensiero e ha spiegato le motivazioni delle sue dimissioni in un post, pubblicato sulla sua pagina Facebook. Ecco il testo integrale: “Voglio informare tutta la cittadinanza galatese che oggi ho presentato al protocollo le dimissioni formali dalla carica di Presidente del Consiglio Comunale, per cause lavorative che mi portano lontano da Galati. Ho riflettuto molto sulla scelta se farlo o meno, ma il senso di responsabilità mi ha portato a prendere questa via, per la motivazione ovvia che il buon senso impone, ovvero che la presenza continuativa di chi impegna un ruolo del genere stia alla base del corretto andamento di tutte quelle che sono le dinamiche amministrative. Essere a 1200 km non solo non mi avrebbe permesso di esercitare a pieno le mie funzioni, ma mi avrebbe lasciato un senso di menefreghismo e di vuoto che la mia indole e soprattutto la mia dignità non avrebbe accettato. Ho formulato i miei ringraziamenti nella lettera di dimissioni, ai Consiglieri per la fiducia riposta in me, al Vice-Presidente per la collaborazione, al Segretario Comunale, a tutti i dirigenti ed impiegati degli uffici di segreteria per la professionalità e l’alto senso del dovere mostrato durante il disbrigo delle pratiche amministrative. Un ringraziamento va anche al Sindaco e alla Giunta, per il rispetto e la stima mostrata nei miei confronti. Infine il mio grande in bocca al lupo a chi verrà eletto dopo di me, perché sia garante del buon funzionamento del Consiglio Comunale, come impone lo statuto e la normativa vigente, nonché il buon senso. Con dispiacere lascio il mio paese, sperando che un giorno si realizzino i sogni di coloro, i quali non smetteranno mai di credere che abbiamo la fortuna di vivere nel posto più bello del mondo”.

Continua a leggere altre notizie su
Galati Mamertino