98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Itet: concluso il progetto I-PEERsbullo

Sant’Agata Militello – Un fenomeno da contrastare con forza e senso civico, all’interno delle istituzioni scolastiche. Il bullismo è diventato un’emergenza sociale diffusa tra i giovani e a cui sono riposte le attenzioni per fronteggiarla.

Una serie di incontri ha coinvolto gli alunni dell’ Itet Tomasi di Lampedusa, diretto dalla DS. Antonella Emanuele, nell’ambito del progetto “I-PEERsbullo: contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo attraverso la peer education”. Il progetto, patrocinato dal MIUR e da UCIIM Sicilia, ha inserito l’Itet nella rete di scuole siciliane incaricate di attivare le misure necessarie per la conoscenza del problema e di attivare un serio processo di critica e coscienza. Il progetto si colloca nell’ambito del “Piano di azioni e iniziative per la prevenzione dei fenomeni di cyber-bullismo” e rimanda alle ultime frontiere educative che vedono i ragazzi stessi, opportunamente formati nel ruolo di peer, impegnati nel contrasto diretto ad ogni forma di bullismo e cyberbullismo. La Peer Education identifica, infatti, una strategia educativa volta ad attivare, tra i giovani, un passaggio spontaneo di conoscenze, di emozioni e di vissuti personali, che possa mettere in moto un processo di comunicazione globale, caratterizzato da un’esperienza profonda, coinvolgente ed empatica.

I peer educators delle classi seconde dell’Itet si sono confrontati con gli studenti delle classi quinte che negli anni precedenti hanno ricoperto il medesimo ruolo, cercando di imparare e fare tesoro della loro esperienza.

Il percorso si è articolato in vari incontri durante l’anno ai quali i peer educators hanno partecipato attivamente, col supporto dei docenti Prof. Marzullo Floriana ed Alioto Elia, referenti del progetto, e col prezioso contributo della psicologa Dott.ssa Enza Cicero che ha guidato i ragazzi con tanta motivazione e sensibilità.

Le docenti Saladino e Gaglione hanno inoltre messo al servizio la loro esperienza, avendo trattato tale tematica negli anni precedenti. “Abbiamo portato a termine un progetto molto importante – dice la docente Floriana Marzullo – che ha coinvolto i ragazzi in una tematica attuale. Un percorso di sensibilizzazione che ha lo scopo anche di dare coraggio nella denuncia di fatti che possono verificarsi soprattutto negli ambienti scolastici”.

Hanno inoltre collaborato i Peer educators delle classi seconde (II A AFM Cicirello Giacomo, Bottiglione Armando, Cancelliere Ivan, Tranchita Tomas – II A TUR Kenny Marco, Fatima Fabio – II B AFM/TUR Blogna Carmelo, Versaci Michelle- II A S. MODA Mollica Valentina, Fazio Claudia – II A CAT Vecchini Christian, Mirici Jonathan, Pruiti Cristian) che ricevono il testimone dai Peer educators delle classi quinte (V A AFMParrino Rebecca, Scianò Francesca, Zingales Sofia – V A TUR Giaimi Agnese, Sidoti Martina, Truglio Angelica).

Continua a leggere altre notizie su
Sant'Agata M.llo