98zero

Calcio giovanile: finale con rissa a Capo d’Orlando, un ferito sugli spalti

Capo d’Orlando – Doveva essere una giornata di festa e sport al “Ciccino Micale” di Capo d’Orlando, dove mercoledì 30 maggio era in programma la finale del campionato dei Giovanissimi comitato di Barcellona P. G. tra New Eagles e Mistretta. Lo scontro, invece, è sfociato in un parapiglia che ha visto, suo malgrado, protagonista un tifoso del Mistretta, coinvolto in una rissa sugli spalti e trasportato in ospedale causa una ferita alla testa che gli è valsa 5 punti di sutura. Per la cronaca, la gara è stata vinta per 4-1 dalla New Eagles ma questo al momento passa in secondo piano.

A seguito dei fatti avvenuti, infatti, le due società hanno espresso il loro punto di vista tramite le proprie pagine Facebook ufficiale. Di seguito riportiamo tutte le considerazioni delle parti chiamate in causa.

Pagina Ufficiale Polisportiva D. Città di Mistretta

“Ieri (mercoledì, ndr), sul neutro di Capo d’Orlando, si è disputata la finale provinciale categoria “Giovanissimi” tra la Pol. D. Città di Mistretta e la New Eagles di Galati Mamertino, che ci ha visto sconfitti con un pesante 4 a 1. Ai nostri ragazzi ed al loro mister Benedetto Faillaci non si può rimproverare nulla, visto il meraviglioso percorso tenuto durante lo svolgimento dell’intero campionato. Bravi tutti! Al di là della gara, fortemente condizionata da un arbitro assolutamente inadeguato all’importanza della gara (l’ennesimo della stagione…), la società è amareggiata per quello che è successo negli spalti subito dopo la realizzazione del calcio di rigore degli avversari che, da grandi maleducati, sono corsi ad irridere il folto gruppo dei sostenitori venuti da Mistretta, con gestacci ed urla, nell’assoluta indifferenza della dirigenza e dello staff tecnico della New Eagles, che ha dato inizio a dei tafferugli con un gruppetto di facinorosi sostenitori avversari, culminati con una vile aggressione nei confronti del nostro tifosissimo amico già Presidente storico Dino Pispicia, che ha rischiato la vita dopo essere stato scaraventato a terra da un vigliacco (che poco dopo tentava la fuga…), provocandogli una seria ferita alla testa, che sarebbe potuta essere fatale, per cui è stato necessario un intervento urgente dell’ambulanza per il trasporto al pronto soccorso, dove è stato sottoposto a Tac e chiusura della ferita con 5 punti di sutura. Ora Dino sta meglio ed è a casa circondato dall’affetto dei suoi cari e di tutta la famiglia della Polisportiva che ne ha atteso le dimissioni dal nosocomio di Sant’Agata. Il responsabile è già stato identificato dalle forze dell’ordine intervenute sul posto e verrà naturalmente denunciato all’Autorità Giudiziaria. In tutto questo c’è da sottolineare che, mentre l’amico Dino giaceva a terra sanguinante, nessuno della squadra avversaria e nessun rappresentante della Lega, presenti all’incontro, si è degnato di avvicinarsi e preoccuparsi delle sue condizioni… VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA!!! È così che dovreste insegnare i valori sportivi e morali a dei ragazzini di questa fascia d’età?”

Pagina Ufficiale FCD New Eagles 2010

“In seguito agli episodi accaduti durante la finale play-off tra New Eagles e Mistretta, a Capo d’Orlando, siamo costretti ad intervenire con il presente comunicato, anche perché non capita tutti i giorni di sentirsi definire indegni pseudomafiosi grandi maleducati e vastasi, che non insegnano valori ai propri bambini. Ciò avviene da parte di chi non si è certo distinto per comportamento civile nel corso del campionato, mentre, ci preme ricordare, la nostra scuola calcio si è sempre distinta ed è riconosciuta per il suo fair play. L’episodio è certamente deprecabile, poiché se è vero che un ragazzo ha spinto il signor Dino, cui auguriamo una pronta guarigione e con il quale abbiamo telefonicamente parlato felicitandoci per la non gravità della situazione, ciò non può attribuirsi alla nostra società, la quale può al limite avere la colpa di non essere riuscita ad evitare una esultanza provocatoria, a dire il vero incontrollabile, sia per la giovane età del ragazzo, sia perché lo stesso era stato parecchio insultato nella partita di Mistretta. Si ripete, ciò non lo giustifica, poiché la nostra società insegna comunque il comportamento consono e corretto, sempre sportivo ed al di sopra di ogni bassezza, ma è anche vero che all’esultanza comunque non volgare, delle persone adulte non avrebbero dovuto inveire in maniera scomposta e sproporzionata. Ora, al di là del merito sportivo, pacificamente riconosciuto, le cose devono dirsi per come esattamente sono andate. E purtroppo dobbiamo evidenziare che la società Polisportiva Mistretta non racconta il fatto storico, ma lo indirizza per offendere ed inveire contro la New Eagles. Siamo comunque dispiaciuti per quanto verificatosi, ma poiché si stanno scrivendo cose non vere, siamo costretti ad intervenire nella discussione con questo comunicato per precisare la situazione in ordine alle responsabilità dell’accaduto, certamente da non potersi addebitare alla nostra piccola scuola calcio, riconosciuta come prima ed unica scuola d’elite della federazione di Barcellona Pozzo di Gotto e per rimandare le accuse al mittente e invitiamo ogni intervenuto a conoscere i fatti prima di parlare o giudicare. La serietà della New Eagles non può essere messa in discussione da nessuno, speriamo che la finiate con questi insulti gratuiti. Non vogliamo trascinare però la discussione, perché i nostri sforzi devono essere incentrati sul miglioramento calcistico e speriamo anche umano dei nostri bambini”.