98zero

Capizzi celebra il suo illustre concittadino. Le chiavi della città allo stilista Parasuco

Capizzi – Il Comune conferirà la cittadinanza onoraria ad un uno dei più importanti stilisti di moda, l’uomo che ha conquistato l’America con i jeans ovvero Salvatore Parasuco, siciliano di origine, e di Capizzi precisamente.

La cerimonia è prevista per il prossimo venerdì 21 luglio a partire dalle 20,30 in piazza San Giacomo. Salvatore Parasuco ha creato un vero e proprio mito del denim, rivisitando il capo più importante di tutta la vita di ogni persona: il jeans. Per lui hanno sfilato star del calibro di Celine Dion e Jennifer Lopez, ha creato non solo una moda ma uno stile di vita, una mentalità.

L’amministrazione comunale di Capizzi consegnerà la cittadinanza onoraria oltre per i vincoli familiari e affettivi che lo legano al paese nebroideo, anche per il suo brillante talento e genio che l’ha visto protagonista della scena internazionale. Nato a Capizzi nel ’53 e trasferitosi in Canada, precisamente a Montreal, nel ’57 insieme a tutta la sua famiglia, Salvatore Parasuco passa tutta la sua adolescenza in ristrettezze economiche lavorando in un negozio.

A 19 anni si mette in proprio e apre un negozio unisex chiamato “Pour les deux” dove inizia a vendere, ebbene si, jeans vecchi e sbiaditi ma il capo inizialmente non riscuote molto successo. Lo stilista non demorde e ripropone i suoi jeans usurati e sbiaditi esponendoli in vetrina accanto a quelli nuovi. Stavolta l’idea è vincente. Tutti desiderano quei vecchi jeans che nel frattempo sono diventati lavati e sbiancati. Quel capo così importante nella vita delle persone diventa il suo punto di forza e il volume d’affari del negozietto di St. Cathetine Street aumenta visibilmente.

In seguito Salvatore Parasuco fonda una società la Santana Jeans, insieme ai suoi fratelli e l’89 è l’anno in cui i tempi sono maturi per entrare nel mercato americano con il suo marchio, quindi la nota Santana Jeans diventa Parasuco. Da quel momento è in continua ascesa, basti pensare che le vendite nel primo anno passano da 35.000 a 380.000 capi. Nel 1999 il gruppo Parasuco punta all’oltreoceano e comincia la distribuzione nei migliori negozi italiani arrivando in tutta Europa e in Asia. Un legame fortissimo quello dello stilista con l’Italia come dimostra anche il logo del suo marchio la Chimera d’Arezzo, bronzo etrusco e creatura mitica tra l’immaginario e il fantastico.

“La consegna delle chiavi – dichiara orgoglioso il sindaco di Capizzi Giacomo Purrazzo – è per rafforzare ulteriormente il rapporto tra lo stilista e il nostro paese, per quel sentimento di affetto e gratitudine reciproca che ci lega.” Nella serata saranno consegnati la targa e la pergamena della cittadinanza onoraria alla presenza di autorità civili, militari, religiose, istituzionali e di note firme come quella di Salvatore Martorana titolare della Gregory, Mario Catania presidente della Brontjeans e Emanuele Miracula amministratore della San Lorenzo. Prevista durante la manifestazione una degustazione di prodotti tipici a cura dei produttori locali. Una cerimonia che si preannuncia all’insegna dell’arte, del genio e dell’artigianalità, tutto rigorosamente “made in Italy”.

Continua a leggere altre notizie su
Capizzi