98zero

Parte il progetto “Genitori: istruzioni per l’uso” sull’uso responsabile del web

Capri Leone – Ai nastri di partenza un progetto che coinvolgerà genitori e alunni delle scuole primarie e secondarie di Rocca di Capri Leone, Mirto, Torrenova e San Marco d’Alunzio.

Il progetto “Genitori: Istruzioni per l’uso” nasce da un’idea della dott.ssa Lucia Carcione, psicologa e Presidente dell’Ass. ApertaMente che, in partnership con il Comune di Mirto e l’ass. ANSPI Jasna Gora, ha ottenuto un finanziamento nell’ambito dell’Avviso pubblico per la presentazione di progetti sperimentali finalizzati alla sensibilizzazione dei minori e delle famiglie all’uso responsabile del web, pubblicato dall’Assessorato Regionale alla Famiglia e alle Politiche Sociali.

Il progetto vuole contribuire all’educazione digitale attraverso una Campagna Informativa  nelle scuole, in cui sensibilizzare i minori ad un utilizzo responsabile e consapevole degli strumenti e delle opportunità che offre la rete internet. Gli incontri metteranno in luce i potenziali rischi della rete cercando di infondere agli alunni la piena consapevolezza ed analisi dell’utilità dei vari strumenti informatici (e-mail, social network, chat, strumenti di ricerca, blog).

Inoltre saranno realizzati incontri di Educazione Genitoriale in cui, all’offerta di indicazioni e informazioni concrete in campo digitale, sarà associato un percorso di accompagnamento per la ricerca di soluzioni  relative al ruolo educativo. Attraverso la creazione di uno spazio protetto, i genitori potranno esporre dubbi e incertezze in un cammino improntato all’ascolto e al sostegno emotivo, alla narrazione,alla riflessione e alla condivisione di esperienze.

“Il ruolo educativo degli adulti risulta fondamentale – spiega la dott.ssa Carcione – perché le nuove tecnologie sono a tal punto entrate nella nostra vita e in quella dei nostri figli, che la famiglia (insieme alla scuola e alle altre entità educative primarie) non può non svolgere, anche in questo campo, una fondamentale funzione educativa. I genitori, poi, desiderano comprendere meglio perché i loro figli  trascorrono tanto tempo con il cellulare e cosa ciò rappresenta nella loro vita. Allo stesso tempo non hanno la stessa competenza dei ragazzi e ritengono che l’utilizzo dei nuovi strumenti multimediali rappresenti un fatto puramente tecnico, che non li coinvolge quindi come educatori, se non per proibirne o limitarne l’uso.  Questo progetto è principalmente destinato al mondo dei genitori, per educare i figli a un corretto utilizzo delle nuove tecnologie offrendo dei semplici consigli, ma soprattutto, una proposta educativa da cui il genitore può scoprire con consapevolezza il proprio ruolo”.