crocetta-960x456-1435253394

Crocetta: «Dimissioni? Prima le riforme»

di - 21 luglio 2015

PALERMO. Rosario Crocetta torna a Palazzo d’Orléans e riprende l’attività di governo. Convoca pure una riunione di giunta per oggi a mezzogiorno e al termine di una lunga giornata di lavoro detta la sua linea: «Trovo più corretto discutere con l’Ars – dice – e non con chi da Roma vorrebbe farmi fuori, dei percorsi che

tutino crocetta

Borsellino: da Tutino anomale pressioni

di - 20 luglio 2015

PALERMO.«Pressioni», «comportamenti inusuali», prassi «irrituali», tentativi di adottare provvedimenti che sarebbero stati contrari alle normative. Di questo ha parlato l’ex assessore alla Sanità, Lucia Borsellino, quando – il 26 marzo del 2014- è stata sentita dalla Procura di Palermo, che stava indagando su quello che sarebbe poi diventato il «caso Tutino» e che ha portato

Foto-archivio-Bruno-Mancuso-NCD

Sen. Mancuso: “Superato ogni limite di decenza. Crocetta si dimetta subito”.

di - 16 luglio 2015

Sant’Agata Militello – “Si è davvero oltrepassato ogni limite di decenza. Crocetta deve dimettersi immediatamente da Presidente della Regione per rispetto di tutti i siciliani”. Il Senatore Bruno Mancuso tuona ancora una volta contro il governatore siciliano dopo le rivelazioni sulle intercettazioni delle conversazioni telefoniche con il medico Matteo Tutino, da qualche settimana agli arresti

tutino crocetta

Tutino a Crocetta: “Lucia Borsellino va fatta fuori, come suo padre”

di - 16 luglio 2015

Palermo – Lucia Borsellino «va fermata, fatta fuori. Come suo padre». Come Paolo Borsellino, il giudice assassinato il 19 luglio 1992. Sono parole pesantissime, intercettate pochi mesi fa. A pronunciarle non è un boss, ma un medico di successo: Matteo Tutino, primario dell’ospedale palermitano Villa Sofia. All’altro capo del telefono c’è il governatore della Sicilia

Close