carabinieri-auto

Minacce ai parenti di un pentito. Non potrà più avvicinarsi a loro

di - 23 novembre 2016

BARCELLONA – Divieto di avvicinarsi alle persone offese nel raggio di 300 metri. E’ il provvedimento emesso dal Gip ed eseguito dai Carabinieri agli ordini del capitano Fabio Valletta a carico di un soggetto (sulle generalità vige riserbo per questioni di sicurezza) accusato di stalking, minacce e percosse ai danni dei parenti di un collaboratore

scavi patrì

Torrente Patrì, si continua a scavare. Si cercherebbe il corpo di Giuseppe Italiano, scomparso nel 1993

di - 12 luglio 2016

BARCELLONA – Prosegue intensamente l’attività di Vigili del fuoco, Carabinieri del Ros e magistrati della DDA in contrada Cappellano, nel territorio di Rodì Milici. Si continua a scavare accanto sugli argini del Torrente Patrì in cerca dei resti di una vittima di lupara bianca. A fornire indicazioni è stato un collaboratore di giustizia, sul cui

arresti vecchia maniera

“Vecchia Maniera”: è Carmelo Bisognano il collaboratore di giustizia coinvolto. Il Video

di - 25 maggio 2016

BARCELLONA – E’ Carmelo Bisognano il collaboratore di giustizia coinvolto nell’operazione “Vecchia Maniera”. Dalle prime ore di oggi, in diverse località della provincia di Messina, i poliziotti del Commissariato P.S. di Barcellona Pozzo di Gotto, con la collaborazione della Squadra Mobile di Messina, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal

pentitodamico2

Il pentito D’Amico parla dell’agguato ad Arnò

di - 23 marzo 2015

BARCELLONA POZZO DI GOTTO – Proseguono le rivelazioni del collaboratore di giustizia Carmelo D’Amico. L’uomo sta continuando a fornire agli inquirenti importanti particolari inerenti fatti e avvenimenti che hanno caratterizzato il vissuto della famiglia dei barcellonesi. Davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Messina, nell’ambito del processo Gotha 3, D’Amico ha spiegato che l’ormai ex capo

Close