CONSIGLIO COMUNALE, LA MINORANZA PRECISA…


Parcheggi, Cavalcavia, IMU, Ferrovie, Area Riscossioni, sono alcuni dei punti trattati nell’ultimo consiglio comunale e che, a detta del presidente Timpanaro (clicca qui per rileggere le sue dichiarazioni), sono stati approvati all’unanimità e in piena collaborazione anche con i gruppi di minoranza. Ma l’opposione, rappresentata dai consiglieri Sanfilippo, Trusso, Micale e Gemmellaro intendono fare delle precisazioni su tutti i punti trattati nell’ultima seduta consiliare dello scorso 9 marzo. Lo fanno con un comunicato stampa dettagliato e preciso e che vi proponiamo integralmente di seguito:

PARCHEGGI A PAGAMENTO (STRISCE BLU)
Nella seduta di Consiglio Comunale del 9 marzo 2012 è stata discussa l’interrogazione relativa ai parcheggi a pagamento presentata il 23 novembre 2011. Il consigliere Trusso, a nome dei Gruppi consiliari ha portato all’attenzione del Consiglio che, in caso di gestione diretta dei parcheggi a pagamento da parte dell’Ente, il maggiore introito su base annua per il Comune sarebbe pari a € 63.917,02 (dati 2010). L’Amministrazione ha respinto la proposta presentata, nonostante i sicuri e dimostrabili vantaggi economici che una gestione diretta porterebbe nelle casse comunali.

AREA RISCOSSIONI
Nella seduta di Consiglio Comunale del 9 marzo 2012 è stata discussa l’interrogazione relativa all’affidamento a terzi della gestione del servizio di accertamento e riscossione tributi presentata il 14 febbraio 2012. Il consigliere Gemmellaro, a nome dei Gruppi consiliari ha portato all’attenzione del Consiglio che gli avvisi di accertamento emessi dalla predetta Società prevedono, come unica possibilità per il cittadino/contribuente, quella di adire, in caso di contenzioso esclusivamente la Commissione Tributaria Provinciale di Cuneo, sede legale della Società AREARISCOSSIONI S.p.A., con onerosi aggravi, disagi e spese per i contribuenti. L’Amministrazione ha comunicato che, a seguito dell’interrogazione presentata, la società Areariscossioni S.p.A. ha inviato una nota formale con la quale si impegna a sanare l’anomalia con la possibilità di adire la Commissione Tributaria Provinciale di Messina con conseguenti benefici economici per i contribuenti orlandini in caso di contenzioso.

APERTURA CAVALCAVIA
Nella seduta di Consiglio Comunale del 9 marzo 2012 è stata discussa l’interrogazione relativa alla mancata apertura del cavalcavia presentata il 13 gennaio 2012. Il Sindaco, nel consiglio comunale scorso, ha letto la nota n. 2324/2012, a lui indirizzata, con la quale R.F.I. S.p.A. gli comunicava che “A partire dal 13/03/2012 rimane a disposizione di codesta Amministrazione per effettuare la consegna dell’opera al Comune (il cavalcavia), ai sensi dell’art. 7 di Convenzione, al fine di renderla fruibile al pubblico transito veicolare”. Con la predetta nota è stato trasmesso anche il certificato di collaudo statico del cavalcavia che tuttavia “non comprende, come peraltro anticipato con nota RFI/DIN.SPL/PA 2311 del 10/01/2012 , i n.2 tratti di muro (conci 1 e 2) sopraelevati da una ditta privata per i quali RFI prende atto dell’emissione di un ulteriore collaudo statico, trasmesso dall U.T.C. (nota prot. 2381 del 27/01/2012). Il consigliere Micale, a nome dei Gruppi consiliari sottolinea che dalla lettura della documentazione raccolta non si comprende chi abbia richiesto il collaudo statico se il privato o il Comune e, soprattutto, se chi lo ha realizzato lo ha fatto per conto del privato o per conto del Comune. Il particolare che desta maggiore curiosità risiede nel fatto che il Comune (così come confermato dal Sindaco) non ha dato incarico alcuno per la redazione del collaudo ma tuttavia, lo stesso è stato redatto a firma di un ingegnere esterno, su carta con il logo del comune e la dicitura comune di Capo d’Orlando. Nella sopracitata RFI/DIN.SPL/PA 2311, si conferma che il collaudatore di RFI non ha sottoscritto il collaudo statico delle opere, perché difformi dal progetto esecutivo originario redatto da RFI S.p.A. I muri (preesistenti prima della sopraelevazione) rientrano nel progetto RFI e si ritiene che il loro mancato collaudo (a seguito della sopraelevazione), nonostante questo non si legga in maniera palese, sia una concausa nella mancata consegna dell’opera, diversamente da quanto affermato dal sindaco nella sua risposta alla nostra interrogazione. L’atto ispettivo ha puntualmente confermato che la sopraelevazione del “muro privato” non era previsto nel progetto di R.F.I. S.p.A. e che il suo mancato collaudo, nonostante questo non si legga in maniera palese, è una (con)causa della mancata consegna dell’opera. Ciò, diversamente da quanto affermato dal Sindaco che, nella sua risposta alla nostra interrogazione, aveva scritto che: “In riscontro alla Vs nota, prot. n. 1189, allego copia del verbale di sopralluogo del 6/11/2011 dal quale è chiaramente rilevabile che la consegna del cavalcavia è stata in quella data rimandata esclusivamente per il completamento ai giunti del sovrapasso”. Anche il Responsabile dell’Area LL.PP., del resto, nella relazione allegata alla risposta del Sindaco all’interrogazione, ha smentito il Capo dell’Amministrazione, affermando che “Inoltre, è stata constatata la sopraelevazione da parte di un privato, di un tratto di muro realizzato da R.F.I., e pertanto non collaudabile da parte della stessa Società”.

REGOLAMENTO ACQUA POTABILE
Nel corso del Consiglio Comunale del 15 marzo 2012 è stata discussa la proposta di Regolamento acqua potabile presentata dall’amministrazione comunale. Il consigliere Sanfilippo, a nome dei Gruppi consiliari ha chiesto e ottenuto la rivisitazione degli scaglioni relativi ai metri-cubi d’acqua erogati a parità di tariffa con conseguente vantaggio economico per i cittadini. Sono stati inoltre presentati specifici emendamenti al testo del Regolamento volti ad introdurre la “voltura” gratuita del contatore idrico da parte degli eredi legittimi dell’intestatario in caso di decesso dello stesso, nonché emendamenti relativi alla disciplina delle “erogazioni provvisorie uso cantiere” e la voltura dell’intestazione dell’utenza garantita dal Comune in caso di cessione del fabbricato, sia a titolo oneroso (vendita, locazione) che gratuito (comodato) previa esibizione di idoneo titolo comprovante il diritto di subentro. Il Regolamento così come emendato è stato votato all’unanimità.

ISTITUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE DE.C.O.  DEL COMUNE DI CAPO D’ORLANDO
Nel corso del Consiglio Comunale del 15 marzo 2012 è stata discussa la proposta di Istituzione della denominazione di origine comunale PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. Il consigliere Trusso, a nome dei Gruppi consiliari ha presentato un emendamento all’Art. 10 del Regolamento chiedendo l’inserimento di specifici criteri qualitativi (connessi all’esperienza ed alla competenza) per la selezione dei membri della commissione comunale, nonché l’impossibilità da parte dei suddetti membri di prendere parte alle attività di controllo per la verifica dei requisiti previsti dal regolamento (ex Art. 12), presso soggetti e/o attività commerciali che svolgono attività simile e/o concorrente col la propria. Il Regolamento così come emendato è stato votato all’unanimità.

INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLA RIVISITAZIONE DEGLI ORARI DEL TRASPORTO FERROVIARIO REGIONALE (TRATTA PALERMO-MESSINA A/R E LUNGA PERCORRENZA)
Nel corso del Consiglio Comunale del 15 marzo 2012 è stata discussa la proposta di deliberazione in oggetto. Il consigliere Trusso, a nome dei Gruppi consiliari, ha illustrato la proposta che prevedeva di invitare il Presidente della Regione siciliana ad adottare i provvedimenti necessari, anche per il tramite dei Funzionari preposti, al fine di definire con la Direzione regionale del Gruppo Ferrovie dello Stato un protocollo d’intesa volto alla rivisitazione degli orari del
trasporto ferroviario regionale, in vigore dal 12 dicembre 2011 e di trasmettere copia della deliberazione ai Presidenti del Consiglio Comunale dei paesi limitrofi fruitori della stazione di “Capo d’Orlando-Naso” perché si attivino in tal senso. La proposta è stata approvata all’unanimità.

PUNTO INTERNET PRESSO BIBBLIOTECA COMUNALE
Nella seduta di Consiglio Comunale del 15 marzo 2012 è stata discussa la mozione relativa alla postazione internet presso la biblioteca comunale presentata il 9 dicembre 2011. Il consigliere Micale, a nome dei Gruppi consiliari ha sottolineato l’importanza di una postazione internet gratuita presso i locali della biblioteca comunale soprattutto per i cittadini che non sono in condizione di acquistare un computer a proprie spese. Dopo ampia discussione il Consiglio ha votato all’unanimità la mozione presentata, integrando il testo con l’impegno formale del Sindaco di dotare la biblioteca comunale di n.2 postazioni internet, di pubblicizzare l’iniziativa a beneficio dei fruitori nonché di dare disposizione per i lavori di completamento e collaudo dell’ascensore e per quelli relativi alle opere di manutenzione straordinaria con particolare riferimento alla cupola a vetri da cui provengono pericolose infiltrazioni d’acqua.

REGOLAMENTO IMU
L’introduzione dell’IMU in tutti i comuni del territorio nazionale è stata disposta, a decorrere dall’anno 2012, dalla Legge di conversione del Decreto “Salva Italia” 22 dicembre 2011 n. 214 (art. 13). La lunga discussione d’aula durante il Consiglio Comunale del 9 marzo scorso, che ha esaminato – con l’ausilio del Responsabile dell’Area Economico-Finanziaria (Dott. Nino Colica) – gli aspetti tecnici derivanti dall’introduzione dell’IMU, con particolare riferimento agli impatti sul bilancio comunale, ha consentito al Consiglio di approvare il Regolamento IMU, che è frutto di una oculata sintesi tra la mozione dei Gruppi consiliari “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando”, presentata il 13 febbraio 2012, e la successiva proposta dell’Amministrazione comunale. In particolare, ad integrazione della proposta iniziale dell’Amministrazione – pressoché in linea con il testo della mozione – i Gruppi consiliari “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando” hanno presentato una serie di emendamenti alla proposta di Regolamento IMU e proposto la costituzione di uno specifico fondo vincolato nel
bilancio comunale da destinare all’incentivazione delle attività turistico-ricettive.
L’iniziativa è finalizzata a dare un aiuto concreto ed immediato a tutte le strutture turistico -ricettive, con particolare riferimento ai numerosi B&B esistenti.

I suddetti Gruppi consiliari, infine, hanno anche chiesto di ritornare in aula per un nuovo esame del testo del Regolamento IMU tra qualche mese, una volta che il quadro normativo nazionale sarà più delineato con riferimento agli aspetti tecnico-operativi.

Gaetano Sanfilippo, Giuseppe Trusso, Alessio Micale, Gaetano Gemmellaro

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close