ben_hur_pp

“BEN HUR”: OTTIMA PROVA PER PISTOIA E TRIESTINO


Tante risate e molti spunti di riflessione sono stati suscitati ieri sera da “Ben Hur” di Nicola Pistoia, andato in scena sul palco del Cineteatro “Rosso di San Secondo” per la “Capo d’Orlando Theather”.  Non il tutto esaurito, come ha sottolineato anche lo stesso direttore artistico Salvatore Monastra durante la presentazione dello spettacolo: “causa sky, premium.. serata di partite questa!”. Sul palco Nicola Pistoia, Paolo Triestino ed Elisabetta De Vito, affrontano con grande simpatia e bravura, i temi dell’immigrazione e del razzismo.
Sergio (Nicola Pistoia) uno stuntman infortunato e caduto in disgrazia, per sbarcare il lunario posa, vestito da centurione, per i turisti davanti al Colosseo. Sua sorella Maria (Elisabetta De Vito) per arrotondare è costretta a lavorare in una chat erotica. Questo l’avvio della commedia, ricco di risate. Quand’ecco che entra in scena Milan (Paolo Triestino) un ingegnere bielorusso, arrivato clandestino in Italia alla ricerca di un lavoro. Immediatamente l’italiano intuisce la grande voglia di lavorare dell’uomo e comincia a sfruttarlo per guadagnare alle sue spalle. Mentre nel primo atto si nota l’enorme divario tra i protagonisti, dovuto a culture e vissuti differenti, e a personalità opposte, già all’inizio del secondo atto, le distanze si accorciano. Milan, comincia ad abituarsi, impara l’italiano e diventa uno di famiglia.

L’integrazione sembra essere avvenuta. Ma un finale sorprendente, dimostra che non è poi così facile superare le barriere della mente, e, che ancora oggi, nel XXI secolo, non siamo disposti ad accettare ed accogliere completamente l’altro.
Un’ottima prova da parte di una coppia ormai collaudata come Pistoia e Triestino, e avvalorata dall’aggiunta di una simpaticissima Elisabetta De Vito.
Un testo intelligente che regala spaccati di divertente quotidianità e al tempo stesso lascia lo spettatore con un retrogusto amaro che lo invita a riflettere.

Il prossimo appuntamento con la rassegna teatrale orlandina, adesso, è fissato per martedì 3 aprile, quando andrà in scena “ La donna che visse due volte”, con Mino Manni, Caterina Bajetta e Giuseppe Scordio, per la regia di Alberto Oliva e Romilda Merli.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close