librizziani_pp1

IMU CON VANTAGGI PER LE STRUTTURE RICETTIVE


Nell’ultima, agitata, seduta consiliare, è stato anche affrontato un importante punto all’ordine dl giorno che riguarda gran parte dei cittadini di Capo d’Orlando. L’IMU, infatti, introdotta dal Governo Monti in sostituzione dell’ex ICI, è stata approvata ma con sostanziali e importanti modifiche avanzate dai consiglieri comunali eletti nelle liste “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando” che esprimono viva soddisfazione per il risultato ottenuto in una nota che pubblichiamo integralmente:

L’introduzione dell’IMU in tutti i comuni del territorio nazionale è stata disposta, a decorrere dall’anno 2012, dalla Legge di conversione del Decreto “Salva Italia” 22 dicembre 2011 n. 214 (art. 13). La lunga discussione d’aula durante il Consiglio Comunale del 9 marzo scorso, che ha esaminato – con l’ausilio del Responsabile dell’Area Economico-Finanziaria (Dott. Nino Colica) – gli aspetti tecnici derivanti dall’introduzione dell’IMU, con particolare riferimento agli impatti sul bilancio comunale, ha consentito al Consiglio di approvare il Regolamento IMU, che è frutto di una oculata sintesi tra la mozione dei Gruppi consiliari “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando”, presentata il 13 febbraio 2012, e la successiva proposta dell’Amministrazione comunale.

In particolare, ad integrazione della proposta iniziale dell’Amministrazione – pressoché in linea con il testo della mozione – i Gruppi consiliari “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando” hanno presentato una serie di emendamenti alla proposta di Regolamento IMU e proposto la costituzione di uno specifico fondo vincolato nel bilancio comunale da destinare all’incentivazione delle attività turistico-ricettive.

L’iniziativa è finalizzata a dare un aiuto concreto ed immediato a tutte le strutture turistico -ricettive, con particolare riferimento ai numerosi B&B esistenti. I suddetti Gruppi consiliari, infine, hanno anche chiesto di ritornare in aula per un nuovo esame del testo del Regolamento IMU tra qualche mese, una volta che il quadro normativo nazionale sarà più delineato con riferimento agli aspetti tecnico-operativi. Di seguito le aliquote come emendate e approvate:

–         aliquota di base fissa 0,96% ;

–         aliquota abitazione principale 0,2% (con abbattimento del 50% rispetto a quella fissata dalla Legge 22 dicembre 2011 n. 214);

–         aliquota categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni a fini di lucro)  0,46% (con abbattimento dello 0,3% rispetto a quella fissata dalla Legge 22 dicembre 2011 n. 214);

–         aliquota fabbricati rurali ad uso strumentale 0,2%.

 Gaetano Sanfilippo – Giuseppe Trusso – Alessio Micale – Gaetano Gemmellaro

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close