BIKE SHARING PRESENTATO A VILLAFRANCA


Si chiamerà Ecobici il nuovo sistema di mobilità sostenibile che nei prossimi mesi sarà messo a disposizione dei cittadini di Villafranca Tirrena. Il Comune si è aggiudicato il 36° posto della graduatoria tra i 57 progetti ammessi a finanziamento dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio, per la realizzazione  di impianti di Bike Sharing. Il servizio, operativo in primavera, prevede il posizionamento sul territorio del comune tirrenico di 6 pensiline fotovoltaiche con ciclo posteggio. Le bici a pedalate assistite riceveranno la carica per le batterie direttamente dai pannelli solari. I punti scelti dall’Amministrazione Comunale per l’offerta del servizio sono Piazza Campanella, Piazza Quasimodo, P.zza Mariano Sergi in frazione Calvaruso, in Via Marina e in Via Don Luigi Sturzo per un totale di n. 35 bici e altre 5 di riserva per mantenere sempre costante il numero di bici pronte all’utilizzo. Il sistema di terza generazione utilizzerà un software per la gestione della corretta condivisione della bici e l’impiego di tessere personali. Tutti i dettagli del Bike Sharing saranno forniti da un portale informativo, che servirà, inoltre, per monitorare la posizione delle bici in qualsiasi momento. Aggiudicataria dei lavori è la TMR srl di Sant’Agata Militello, specializzata nelle energie rinnovabili, con esperienza decennale nei sistemi informativi e sviluppo di tecnologie.

I particolari del servizio EcoBici sono stati riferiti nel corso della conferenza stampa di giovedì 1 marzo, presso la Sala consiliare indetta dal Sindaco Piero La Tona. “Sono particolarmente soddisfatto –  dice il Sindaco – di poter offrire alla mia cittadinanza un servizio innovativo ed unico nel suo genere. Grazie al lavoro dei tecnici qualificati della ditta aggiudicataria, il cittadino potrà riappropriarsi del proprio territorio in modo comodo, veloce, facile ed anche divertente. Con il progetto Ecobici ci avviciniamo ai modelli di gestione del territorio e di mobilità cittadina già in uso nelle realtà metropolitane, con l’aggiunta nel progetto di elementi di alta tecnologia e fonti di energia solare fotovoltaica”.

Conclusa la parte burocratica– aggiunge l’amministratore della TMR srl Tindaro Terranova  -siamo pronti per l’inizio del lavori. Per la mia azienda, Ecobici rappresenta la migliore  opportunità per mettere in pratica una esperienza decennale nello sviluppo delle nuove tecnologie nell’ambito delle energie rinnovabili.  

Nel corso di questi mesi saranno avviate iniziative di comunicazione del progetto  presso le scuole del comune tirrenico per favorire il miglior approccio culturale dei cittadini al sistema di mobilità e  verrà diffuso materiale per la corretta e completa informazione.

La prima esperienza del Bike Sharing risale agli anni 60 in Olanda e dopo una serie di sperimentazioni si è raggiunto un livello di piena affidabilità nel 2005, con l’ausilio delle tessere e gestione informatizzata. Gli esempi migliori sono nelle grandi città metropolitane come Parigi, con oltre 110 mila bici utilizzate al giorno, Londra,  New York, in Italia a Milano, Torino, Roma e con un rapido sviluppo in tante altre città italiane di piccole e medie dimensioni, sino ad esperienze di sistemi intercomunali in Lombardia.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close