zebedeo collovà

UN RICONOSCIMENTO ALL’ ORLANDINITA’!

In nome dell’ “orlandinità”, è stata consegnata ieri mattina, nei locali della “Società Mutuo Soccorso L’Avvenire” di Capo d’Orlando, la tessera del sodalizio a Zebedeo Basile e Salvatore Collovà, due persone che nel tempo, con la loro attività, hanno in qualche modo contribuito alla crescita del nostro paese.

E’ stato il circolo “L’Avvenire”, che previa riunione del consiglio di amministrazione, presieduto dall’Avv. Giuseppe Antillo, ha voluto loro aprire le porte del sodalizio, in riconoscimento del loro apporto al vissuto orlandino. “Capo d’Orlando è un paese giovane, che è cresciuto grazie a coloro che hanno lavorato e si sono impegnati per la sua crescita economica e sociale.”, ha detto l’Avv. Antillo.

Zebedeo Basile, com’è stato sottolineato più volte durante l’incontro, per Capo d’Orlando è ormai un’istituzione. Chi non conosce l’anziano sarto, perennemente a lavoro nel suo laboratorio di via C.Colombo? Chi non si è mai fermato a parlare con lui per qualche minuto? Questo signore di 91 anni, è insieme a qualche altro veterano, la fonte più lucida e attendibile riguardo la storia del nostro paese. Il sig. Basile non è affatto avaro di parole, anzi, per chiunque passi da quella storica bottega, ha un aneddoto o una storia da raccontare, dalla conquista dell’autonomia orlandina ai recenti avvenimenti. Un uomo che nella sua vita ha avuto 3 grandi amori: la famiglia, il lavoro e la politica; tutti lo ricordano per la grande passione con cui portava avanti gli ideali comunisti in favore degli operai.

Salvatore Collovà,  anch’egli personalità di spicco di una Capo d’Orlando che oggi non esiste più, una Capo d’Orlando impegnata nel sociale, una Capo d’Orlando conosciuta per le attività culturali, è stato tra i promotori della Pro Loco Orlandina e componente nel direttivo per vari anni collaborando all’organizzazione delle tante manifestazioni artistiche e sportive. Insieme al compianto Basilio Lipari, Pippo Pollicina, Vittorio Sindoni e Giuseppe Ingrillì ha dato l’avvio al dancing La Tartaruga, riuscendovi a portare gruppi musicali e cantanti famosissimi a livello nazionale. E’ stato, anche, una delle anime ideatrici, insieme al fratello Calogero Collovà, della “Mostra Vita e Paesaggio di Capo d’Orlando”, che, nata nel1955, haportato Capo d’Orlando a raggiungere un notevole livello di popolarità, collocandosi nel filone nazionale ed internazionale della pittura e delle nuove espressioni visive. Ma la passione più grande è sempre stata lo sport, che lo vede prima protagonista e poi lucido cronista. Collovà, diventa, infatti, giornalista corrispondente per testate quali Gazzetta del Sud, Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport, Il Tempo e della Rai per il Gazzettino di Sicilia.

Tanti amici si sono ritrovati ieri per assistere a questo incontro poco formale, così come dev’essere un incontro tra amici, cui i protagonisti hanno partecipato emozionati e fieri dell’invito, ma con la grande umiltà di chi ha sempre lavorato tanto e si sente quasi in imbarazzo a prendersene il merito. Ma, quello organizzato dal circolo “L’Avvenire” è un riconoscimento meritato, un riconoscimento a dei figli di Capo d’Orlando che si sono spesi per il loro paese conquistandosi con sacrifici il diritto ad entrare a far parte della sua storia.

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close