Le dà fuoco. Una storia tormentata quella tra la vittima e il suo aggressore. Circo mediatico al Policlinico

Messina – Anche se la ragazza ieri sera difendeva il suo ex per la Polizia nessun dubbio sulle responsabilità di un 25enne messinese che si è spontaneamente presentato in Questura accompagnato dal suo legale. 

Telecamere di Mediaset e Rai, collegamenti in diretta con Uno Mattina e altre trasmissioni nazionali per raccontare una triste storia che ha fatto balzare la città dello stretto agli onori della cronaca nazionale. Un vero e proprio circo mediatico quello che da questa mattina presidia il corridoio del reparto ustionati del Policlinico di Messina in attesa di una dichiarazione di qualche parente o magari di qualche altro sfogo della ragazza dall’interno della stanza dove si trova ricoverata con ustioni sul 13% del corpo non preoccupanti secondo i medici.

Intanto la Polizia ha chiuso il cerchio chiarendo definitivamente la dinamica dell’accaduto e ricostruendo la difficile storia d’amore tra i due ragazzi. 

Una storia difficile quella tra Alessio Mantineo, 25 anni, messinese e la giovane donna, sua ex fidanzata, 22 anni.

Nessuna denuncia presentata in passato però. L’immediato intervento dei poliziotti della Squadra Mobile di Messina ha permesso di chiarire le dinamiche di quanto accaduto e le responsabilità del ragazzo, ricercato attivamente sino a quando, lo stesso, sentitosi braccato dagli agenti, ha deciso, in serata, di presentarsi in Questura, accompagnato dal suo legale. Il venticinquenne ha scelto di non rispondere agli investigatori.

La ricostruzione dei fatti è stata possibile grazie al minuzioso lavoro svolto dalla Polizia di Stato, segnatamente, oltre che dalle Volanti intervenute sul luogo, dalla Sezione della Squadra Mobile specializzata nella trattazione dei reati in danno delle vittime vulnerabili: i poliziotti hanno proceduto infatti in tempi brevissimi, in stretto coordinamento con la Procura, all’escussione di diverse persone, parenti, medici e vicini di casa compresi, ed al sopralluogo nell’appartamento della vittima, effettuato dalla Polizia Scientifica, raccogliendo così numerosi elementi. Il venticinquenne, recatosi nell’abitazione dell’ex, l’avrebbe gettata a terra ed in pochi istanti l’avrebbe cosparsa di liquido infiammabile, verosimilmente benzina, dandole poi fuoco con un accendino e fuggendo subito dopo.

I vicini di casa cui la ragazza aveva chiesto aiuto, compresa la gravità dei fatti, richiedevano l’intervento dei sanitari del 118: la vittima, pur gravemente ustionata, sarebbe riuscita a scampare alla morte liberandosi dei vestiti in fiamme e chiedendo soccorso. In seguito, veniva trasferita presso l’Ospedale Universitario Policlinico di Messina a bordo di ambulanza.

L’autore della terribile aggressione è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio pluriaggravato e trasferito presso la casa Circondariale di Gazzi su disposizione del Procuratore Aggiunto D.ssa Giovannella Scaminaci e del Sostituto Procuratore D.ssa Antonella Fradà della Procura della Repubblica di Messina, che coordinano le indagini, tuttora in corso, in attesa della udienza di convalida da parte del G.I.P.

Print Friendly



Articoli Correlati

Close