cc patti_pp

PATTI: NOVE PERSONE DENUNCIATE


Nel weekend appena trascorso, i Carabinieri della Compagnia di Patti, attuando le direttive del Comando Provinciale di Messina, hanno implementato l’azione di prevenzione e di contrasto ai cosiddetti reati di tipo predatorio, procedendo alla denuncia all’Autorità Giudiziaria di 9 persone resisi responsabili, in circostanze diverse, di vari illeciti penali, commessi a Patti ed in vari paesi del comprensorio.

A Gioiosa Marea, M.S., di 70 anni, pensionato, è stato denunciato per illecita detenzione di armi e ricettazione perché aveva in casa un fucile da caccia, che a seguito degli accertamenti è risultato rubato a Reggio Calabria nel 2000.

Uno cittadino ucraino, Y.S. di 29 anni, è stato sorpreso in giro per le strade di Montagnareale senza che avesse con sé alcun documento valido di soggiorno sul territorio nazionale.

3 cittadini rumeni ed un cittadino messinese, invece, stati sono denunciati perché trovati in possesso di alcuni telefoni cellullari che, a seguito degli accertamenti, sono risultati essere provento di alcuni furti perpetrati da ignoti a bordo dei treni in transito sulla tratta Messina-Palermo.

G.R., operaio 35enne di Patti è stato denunciato per guida in stato di ebrezza. Nella circostanza, il tasso alcolemico riscontrato con l’etilometro del Nucleo Radiomobile, era 3 volte superiore al limite consentito.

Un 17enne di Brolo è stato denunciato perché sorpreso, alla guida di un’autovettura di proprietà di un proprio congiunto, senza che il prevenuto fosse in possesso della patente di guida perché mai conseguita.

Infine P.G., operaio ventenne di Brolo, è stato deferito all’A.G. competente poiché trovato in possesso di 3 grammi di “marijuana”.

I servizi di prevenzione a cura dei militari dell’Arma proseguiranno anche nei prossimi giorni nei territori di altri Comuni del comprensorio nebroideo.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close