Upea_Benevelli_pp

VITTORIA DI CUORE, LO SCERIFFO LE AZZECCA TUTTE!


Un’Upea tutta cuore e attaccamento alla maglia riesce a strappare la vittoria contro Bari nonostante l’emergenza infortuni ieri sera al PalaFantozzi. I paladini scendono in campo con il turbo, infilando subito un break di 12-2, ma dopo soli 5 minuti dall’inizio del match arriva l’infortunio per Nicholas Crow, che sceso da un’elevazione in seguito ad un tiro da 3 poggia male il piede e la sua caviglia ne risente.
A questo punto si destano i pugliesi, che però non riescono a frenare la carica dei paladini, i quali chiudono il primo parziale 19-9 mentre coach Putignano risponde con l’innesto del giovane di 2 metri e 24 Samuel Deguara.

Upea-Bari (foto di Daniele Collovà)

Il secondo quarto si apre con la tripla di Gigena, ma, nonostante Perdichizzi decida di abbassare il quintetto schierando il play Filippo Alessandri, e decidendo di opporre il giovane Pellegrino al lunghissimo Deguara solo dopo 2 minuti e mezzo dall’inizio del secondo parziale, è maggiore l’intensità difensiva di Bisconti e compagni, che si portano sul massimo vantaggio (+17). Alessandri in penetrazione subisce un brutto fallo a 4’20” dalla fine del parziale, secondo out per coach Perdichizzi. Si va in spogliatoio quando il tabellone indica 41-24 per i bianco-blu.
Ad inizio ripresa l’Upea va anche sul +20, ma l’ottima prestazione di Mian e Deguara tiene i baresi in gara. Ad 1’30 anche il capitano Zanelli risente di un dolore muscolare alla coscia, al PalaFantozzi sembra vada tutto male per i ragazzi di coach Perdichizzi. La fine del terzo quarto vede ancora i paladini avanti di 16 lunghezze (62-46).

L’inizio dell’ultimo periodo è molto teso, dopo l’ennesima gomitata del giovane Deguara subita da Micio Cardinali esplodono le tribune del PalaFantozzi, Cardinali protesta energicamente e viene espulso e l’unico “piccolo” in campo rimane Zampolli, che conclude la gara insieme ai 4 “lunghi” Damiani, Bisconti, Benevelli e Pellegrino giocando di cuore e riuscendo a lottare contro le manie di protagonismo degli arbitri.

I pugliesi ci credono fino alla fine, Mimmo Morena segna la tripla del -7 (74-67) a 40 secondi dalla sirena, ma Pellegrino e Benevelli conducono alla vittoria l’Upea.

La squadra ha avuto un cuore immenso a resistere, a lottare contro tutto e contro tutti – dichiara coach Perdichizzi in sala interviste a fine gara. Non mi era mai successo di giocare con 4 pivot in campo e con un solo “piccolo”, Gionny, che giocando 40 minuti è riuscito a fare del suo meglio portandoci alla vittoria. A fine gara ho detto agli avversari che sono sporchi, nell’accezione positiva, perché significa avere scaltrezza, furbizia e fisicità. Noi siamo riusciti a resistere, a continuare a difendere e a sfruttare i nostri lunghi a rimbalzo. Abbiamo ottenuto una vittoria importantissima.”

Upea Capo d’Orlando – Liomatic Group Bari 76-69 (19-11, 41-24, 62-46)
Upea: Crow 3 (1/3 da 3), Zampolli 13 (5/7,0/3), Damiani 9 (3/5, 1/3), Bisconti 6 (3/6), Zanelli 9 (2/6, 1/2), Alessandri 6 (0/1), Cardinali 7 (0/1 da 3), Benevelli 14 (6/9), Pellegrino 9 (4/7), Sgrò n.e Coach: Giovanni Perdichizzi.
Bari: Bona 3 (0/2,1/2) , Chiusolo 3 (1/2, 0/1), Barozzi (0/2,0/1), Morena 13 (1/3, 3/5), Cardillo 5 (2/4,0/3), Ruggiero 9 (3/6, ½), Mian 15 (6/10,1/3), Deguara 12 (5/6), De Bellis 4 (2/4,0/1), Gigena 5 (0/2, 1/3). . Coach Giovanni Putignano
NOTE: Tiri da 2: Upea 23/41, Bari 20/41, Tiri da 3: Upea 3/14, Bari 7/21, Tiri liberi: 
Upea 15/21, Bari 8/13. Rimbalzi: Upea 32 (Bisconti e Pellegrino 7), Bari 33 (Morena 6), Assist: Upea 15 (Zampolli 4), Bari 13. Espulsione di Cardinali 31’17” (64-49). 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close