consiglio-metropolitano-elezione

Città metropolitana, 50 sindaci pronti al “progetto Nebrodi”?

Tortorici – I sindaci dei Nebrodi si preparano alle elezioni per la Città Metropolitana di Messina.

Si lavora per fare una lista che dia rappresentanza e centralità al territorio e oggi alle 17 si capirà se e come è possa concretizzarsi quello che il sindaco di mottese Marinaro, ha definito “un progetto Nebrodi svincolato dai partiti”. I 20 primi cittadini “promotori”si sono già riuniti a Motta d’Affermo per cominciarne a gettare le basi e adesso chiamano a raccolta gli altri colleghi, “50 Comunità” da Tusa a Patti.

“I Nebrodi vogliono esserci e portare dentro, come risorsa per tutti, le proprie potenzialità e le proprie esperienze – si legge nel documento del Coordinamento dei sindaci dei Nebrodi – consapevoli che tali significative esperienze di visione unitaria di un’Area che presenta specifiche peculiarità ambientali, turistico – culturali, ricettivo – gastronomiche, rispetto al resto del territorio provinciale, non vengano perdute e vanificate, ma piuttosto valorizzate”.

Ecco perché i 20 sindaci promotori, hanno deciso di organizzare l’incontro di domani, allargato all’intera area nebroidea, composta da 50 comunità, per discutete del ruolo che i Nebrodi, “in termini di rappresentanza istituzionale autonoma, devono e voglio avere all’interno dell’Area Metropolitana in modo di travasare ed evidenziare le esperienze”. Le liste dovranno essere presentate entro il 31 ottobre, e il 20 novembre si voterà per eleggere il Consiglio metropolitano, organo di indirizzo politico e di controllo.

E’composto dal sindaco metropolitano, che dal 10 giugno 2016 è Renato Accorinti sindaco della città dello stretto, e da 14 componenti, sono 18 nelle città metropolitane con popolazione residente superiore a 800.000 abitanti. Il Consiglio metropolitano è eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali in carica dei comuni appartenenti alla Città metropolitana e sono eleggibili a consigliere i sindaci ed i consiglieri comunali in carica. All’assemblea di oggi pomeriggio i “convocati” sono 50, la partita da affrontare riguarda il futuro di una fetta di Sicilia che non si sente e non è marginale.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close