alluvione-bastione

Alluvione Bastione, il Sindaco Formica rassicura i comitati “In arrivo somme per chi ha subito danni”

Milazzo – In una lunga nota il Sindaco Giovanni Formica risponde ai residenti del quartiere di Bastione, colpita dal nubifragio del 2015 e dall’esondazione del torrente che divide Milazzo da Barcellona P.G.

Durante l’alluvione di Bastione sono stati registrati diversi danni a privati da cui sono scaturite diverse “passerelle politiche” tra deputati e amministratori, promesse e progetti non ancora attuati. Eppure il Sindaco Formica ci tiene a precisare che “nel silenzio si è comunque lavorato per eliminare i rischi di una nuova esondazione”. Quindi l’impegno della Regione per i lavori di messa in sicurezza.

“Subito dopo l’evento – scrive il sindaco –  l’Amministrazione si è attivata per ottenere la dichiarazione dello stato di emergenza. Non da sola, ovviamente. Lo hanno fatto tutti i sindaci dei comuni danneggiati, il Dipartimento Regionale di Protezione Civile e la deputazione regionale e nazionale. Il risultato è stato raggiunto con l’ordinanza n. 340 del 9 maggio 2016, appena prima dell’estate. Nel frattempo abbiamo provveduto, unitamente al parroco della Parrocchia di S. Marina, ad assegnare le somme raccolte su un conto corrente acceso nei giorni immediatamente successivi all’esondazione. Su questo va detto che, in un primo momento la commissione costituita per l’assegnazione di questo denaro, ha chiesto che fosse il comitato di Bastione a suggerire un criterio, ma i residenti hanno preferito non farlo, delegando le decisioni alla commissione che, una volta individuati i beneficiari del contributo, ha nuovamente chiesto al Comitato spontaneo di pronunciarsi sulla decisione, eventualmente suggerendo modifiche e/o integrazioni. Nel silenzio si è provveduto per come concordato, salvo poi registrare, con dispiacere, il dissenso di parecchi residenti.

Ancora – scrive sempre il primo cittadino – durante l’emergenza, il Sindaco ha accompagnato l’assessore Regionale al Territorio, Maurizio Croce, per visionare i luoghi, tra qualche piccola, ma comprensibile polemica di chi riteneva si trattasse di una passerella come era stato in passato. Ebbene, così non è andata. Per la prima volta, grazie all’impegno dell’Assessore, che ha mantenuto un canale costante di comunicazione con le amministrazioni, sono stati stanziati 6 milioni di euro per la messa in sicurezza del torrente. L’Ufficio del Genio Civile, con grande professionalità, sta procedendo alla redazione del progetto esecutivo ed i tecnici del comune hanno affiancato i progettisti per agevolare le operazioni di rilievo sui luoghi.

Ancora, la Regione ha stanziato, nel mese di aprile del 2016, 100 mila euro in favore del nostro comune. Somma che avremmo potuto destinare ad interventi sul territorio, ma che abbiamo deciso di elargire ai cittadini danneggiati a titolo di risarcimento. Il decreto è stato emanato soltanto il 10 agosto 2016 e le somme non sono ancora state accreditate al comune.

Nei mesi scorsi l’amministrazione ha preso parte a due incontri, uno presso il comune di Barcellona ed uno a Palermo, nel corso dei quali, alla presenza di tutte le istituzioni interessate, si sono programmati interventi di temporanea messa in sicurezza del letto del torrente. Siamo in attesa che i lavori vengano eseguiti. Sempre sul fronte dei risarcimenti, il 27 settembre 2016, meno di 15 giorni fa, il Dipartimento Regionale di Protezione Civile ha trasmesso le istruzioni e le schede per il rilevamento dei danni subiti dalle abitazioni private e dalle attività produttive. Stiamo già provvedendo alla compilazione sulla base delle nostre risultanze, anche con la collaborazione di altre istituzioni regionali.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close