paolo-chicco

Il romanzo di Paolo Chicco che “premia” anche la Sicilia

S.Stefano – Quando Paolo Chicco presentò il suo libro a S.Stefano di Camastra e a Capo di Orlando aveva promesso di portare in giro la Sicilia con il libro. Promessa mantenuta.

“Le mura di Tramontana”, romanzo di Chicco ambientato a Trapani e presentato nella città delle ceramiche e a Villa Piccolo, è stato adottato nelle università di Berna e Budapest e sarà premiato al Festival du premier roman de Chambéry-Savoie e al Premio Città di Cuneo per il Primo Romanzo. Le due iniziative, condividono da oltre 10 anni l’attenzione per gli esordi letterari, individuano ogni anno una selezione di romanzi d’esordio, che affidano ai lettori che condividono la stessa passione per la scoperta di nuovi autori. Parallelamente, alcuni lettori italianisti a Chambéry e francofoni a Cuneo, leggono la medesima selezione di romanzi in lingua originale.

A fianco dell’attività principale di lettura nella lingua madre, a Chambéry i ragazzi leggono, in italiano, i primi romanzi selezionati da Cuneo. Allo stesso modo, in Italia, sono nati comitati di giovani lettori che partecipano a loro volta alla lettura dei primi romanzi francesi letti, ovviamente, in francese. Nello spirito del progetto,i lettori italiani e francesi si incontrano a maggio al Festival du premier roman a Chambéry e alla Fiera del Libro di Torino e in novembre a Scrittorincittà, dove si conclude il Premio Città di Cuneo per il Primo Romanzo. Durante queste manifestazioni, i ragazzi incontrano gli scrittori che hanno apprezzato di più, si mettono alla prova come traduttori, partecipano a laboratori di scrittura, si confrontano con editori, librai e giornalisti. “Le Mura di Tramontana” di Paolo Chicco, avvocato torinese difensore in Cassazione di Anna Maria Franzoni durante il famosissimo processo, è “un romanzo d’amore per dissacrare tutto quello che sulla giustizia normalmente si dice”.

Il protagonista è un giudice, Antonio Voce che si ritrova a dovere e volere incrociare la sua vita con quella di Rachele Dioguardi, giovane agente di polizia assegnata a compiti di scorta e protezione. Guidato dalla presenza del suo vecchio maestro Alagona, Voce si muove nel labirinto di indizi, storie e suggestioni che il caso gli mette davanti. L’istruttoria giudiziaria sull’omicidio Fratantoni e le vicende private di Voce sono le tessere di un unico puzzle che si completa con la scoperta che tra indagine giudiziaria e indagine privata non esiste differenza.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close