ospedale Sant'Agata

Sabato potrebbero essere riaperte le sale operatorie dell’ospedale

Sant’Agata Militello – Sale operatorie chiuse da martedì scorso, sabato dovrebbero ritornare ad essere funzionanti in piena sicurezza, rendendo efficiente il congegno di collegamento dei pacchi bombole di gas medicale per attivare i servizi richiesti da medici, anestesisti e chirurghi.

Questa mattina i tecnici di una ditta specializzata verificheranno le apparecchiature, ormai vetuste,  e revisioneranno le condotte di distribuzione. Solo a collaudo effettuato sarà dato disco verde alla riapertura delle tre sale operatorie del nosocomio santagatese.

Il direttore generale dell’ASP di Messina, Gaetano Sirna, ha disposto la riapertura urgente delle camere operatorie trovando una soluzione immediata in attesa che vengano sostituiti i compressori guasti, che da martedì della scorsa settimana hanno determinato la paralisi di ogni attività operatoria ed il conseguente trasferimento dei pazienti con necessità di interventi, al presidio “Barone Romeo” di Patti.

“Appena saranno resi efficienti i congegni dei pacchi bombole dei gas medicali e bonificati i condotti di distribuzione, immediatamente, darò l’ok per l’inizio delle attività nelle sale operatorie”, ha affermato il direttore ospedaliero Mario Portera confidando che tutto si risolva entro venerdì. Qualsiasi intervento nelle sale parto è stato sospeso. “Fino ad oggi sono nove le partorienti ad essere state trasferite in altro ospedale. “Le stanze del reparto di ostetricia e ginecologia sono tutte vuote, e tutte le pazienti sono indirizzate per il loro ricovero verso altri nosocomi . “La notizia dell’imminente riapertura delle sale operatorie ci conforta”-  afferma il primario Umberto Musarra-  assicurando che ad ogni paziente vengono fornite tutte le assistenze necessarie. Nel reparto di chirurgia ieri mattina era stata ventilata la proposta di trasferire i pazienti a Mistretta per poter utilizzare la sala operatoria di quell’ospedale , ma ogni ipotesi di trasloco è stata accantonata. I medici erano disponibili ad effettuare i loro interventi nelle sala operatoria dell’ospedale di Mistretta, ma i pazienti hanno espresso parere contrario ad ogni loro trasferimento.

“Il personale medico, specialistico, infermieristico ed ausiliare continua quotidianamente e costantemente ad impegnarsi per fornire agli utenti cure appropriate per assicurare il loro trasferimento in altri nosocomi.  “Appena sarà ripristinata la disponibilità di utilizzo delle sale operatorie-  ribadisce il direttore sanitario Mario Portera- ritorneremo in prima linea insieme ai miei collaboratori ad affrontare quotidianamente le emergenze e le urgenze del nosocomio della città, che nel periodo estivo ha saputo sostenere le maggiori richieste di diritto alla salute di una popolazione aumentata per la presenza di turisti, in aggiunta ai residenti”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close