polo-foto

Nasce il polo musicale stefanese

S.Stefano – Sul pentagramma stefanese 3 note si uniscono. Tre associazioni e un protocollo d’intesa, “N. Paganini”, “S. Cecilia” e “Corale Polifonica Stefanese”.

Nasce così il Polo Musicale Stefanese, una nuova realtà, una grande piattaforma di collaborazione presieduta da Calogero Mascari, che avrà un direttore artistico d’eccezione, il maestro Gioacchino Giuliano prima tromba al teatro Massimo Bellini di Catania e docente di tromba all’istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini di Caltanissetta. “Intendiamo sinergicamente collaborare – si legge nell’intesa programmatica sottoscritta dai presidenti delle tre associazioni Giuseppe Di Carlo, Daniele Zaffiro e Daniela Boscia – per l’organizzazione di eventi musicali, per il miglioramento dei contenuti, dei metodi d’insegnamento, della formazione strumentale bandistica, vocale e corale”.

Le tre associazioni, manterranno la loro autonomia e continueranno ad occuparsi di specifici settori. La “S. Cecilia”, presidente Daniele Zaffiro e direttore artistico Sebastiano Rondinella, seguirà la formazione musicale bandistica, la “Corale Polifonica Stefanese” presidente Daniela Boscia, direttori Antonino Famularo e Massimiliano Fiorella, cura la formazione e la diffusione della musica vocale e corale e l’associazione “N. Paganini” presidente Giuseppe Di Carlo, direttore artistico Massimiliano Fiorella, attraverso una convenzione stipulata con l’istituto superiore di studi musicali “V. Bellini” di Caltanissetta si occupa della formazione didattica pre-accademica che consente agli allievi di frequentare i corsi del Conservatorio Nisseno direttamente a S. Stefano. “Per una corretta gestione del Polo e per un migliore coordinamento tra le associazioni che lo costituiscono” è stato istituito il comitato direttivo composto da nove membri, tre per ogni associazione, che fungerà da unico organo esecutivo.

“Io lancio un appello all’amministrazione comunale – dichiara il presidente del polo musicale Calogero Mascari – perché le due bande presenti a S.Stefano possano unirsi e lavorare insieme, confluendo anche la scuola musicale comunale nel polo. Le associazioni presenti nella nostra cittadina, ognuna con le proprie peculiarità, possono unite contribuire al miglioramento dell’offerta musicale del territorio – conclude Mascari – mettere a sistema risorse, competenze e potenzialità già presenti e, in parallelo, sviluppare sinergie per valorizzare e promuovere S.Stefano come città di musica”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close