municipio-meri

“Precari risorsa irrinunciabile per l’ente”. L’appello del responsabile area affari generali del comune.

Merì -Mancano solo pochi giorni alla presentazione del piano triennale 2016/2018, cui i Comuni sono chiamati a rispondere, senza che le istituzioni regionali e nazionali abbiano trovato una soluzione sostanziale che dia certezza ai 16.000 precari degli Enti Locali.

Il disegno proposto della Regione che prevede il passaggio alla Resais, un contenitore di parcheggio, il quale dovrebbe fare da tramite per un ipotetico riassorbimento dei lavoratori negli enti locali, escludendo, tuttavia, un rapporto diretto con gli stessi enti, non ha avuto alcun consenso.

Oggi, secondo le competenze, alcuni dei contrattisti a tempo determinato sono titolari di mansioni, in qualità di istruttori, curando, pertanto, servizi essenziali. Solo due giorni di astensione al lavoro dei precari del Comune di Merì, programmati dall’Anci nelle giornate di lunedì e martedì 12 e 13 settembre 2016, hanno provocato, infatti, grossi disagi all’utenza, visto che sono rimasti paralizzati gli uffici protocollo, ragioneria, tributi, personale, segreteria, centralino, video sorveglianza.

Non si è fatta attendere la solidarietà del responsabile dell’area Affari Generali, dott. Lorenzo Giunta, il quale attraverso una nota indirizzata al Sindaco, dott. Felice Borghese, all’assessore al personale, Antonino Bucca ed al Segretario Comunale, dott.ssa Alessandra Rella, esorta le istituzioni locali a trovare una soluzione che possa dare stabilità e continuità, non solo al personale precario, ma anche allo stesso ente, il quale si ritroverebbe, dopo il 31 dicembre prossimo,  privo di personale qualificato.

“Il personale, 22 padri di famiglia – si legge nella nota – fortemente preoccupato per il pericolo della  perdita del posto di lavoro, nelle date del  12 e 13 settembre 2016  ha indetto un’apposita assemblea,  al fine di rendere partecipe l’ A.C. del loro stato di disagio e  profonda preoccupazione,  e con l’intento che  durante lo svolgersi dell’assemblea  avrebbero stabilito le eventuali iniziative da porre in essere nel prosieguo,  a tutela del loro posto di lavoro”.

Il Dott. Lorenzo Giunta “esprime la propria solidarietà al personale comunale a tempo determinato per la precaria situazione lavorativa in cui versa al momento, con la speranza che nell’immediato futuro la Regione Sicilia apra a nuove prospettive assunzionali e, invita l’amministrazione comunale  a porre in essere tutte le iniziative presenti nella sua disponibilità, sia politiche che amministrative, per scongiurare tale futuro nefasto.”

Intanto, il primo cittadino, dott. Felice Borghese, dichiara di essere vicino ai precari con contratto a tempo determinato, sostenendo che senza il loro apporto l’Ente non sarebbe più in grado di poter dare risposte concrete all’utenza.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close