San Placido om

Il corpo di San Placido torna “a casa”

Castel di Lucio – Dopo 30 anni di attesa, il santo martire San Placido è tornato a casa.

San Placido, che sarebbe stato martirizzato insieme ai suoi compagni nel 541 dopo Cristo, è arrivata custodito nella storica e preziosa cassa d’argento. L’hanno accolto migliaia di fedeli, che tra applausi e lacrime, non sono riusciti a trattenere l’emozione. Lo aspettavano dal 1986, anno in cui l’allora sindaco Nobile, organizzò la prima “trasferta”, portando a Castel di Lucio, i resti del santo martire Placido rinvenuti nella chiesa di san Giovanni di Malta, a Messina, nel 1588. Un evento religioso e sociale di straordinaria importanza per la piccola comunità nebroidea che condivide la venerazione del santo protettore con Biancavilla, comune del catanese con cui è gemellata. Il cosiddetto “corpo di San Placido” rimarrà nel piccolo centro per tutto il periodo dei festeggiamenti in suo onore che culmineranno nella solenne giornata del prossimo sabato 20 agosto e che anno nella gigantesca statua che troneggia all’ingresso del paese, il punto di arrivo e di partenza. L’evento è stato fortemente voluto dal comitato che organizza la festa del patrono e dall’arciprete di Castel di Lucio, padre Carmelo Lipari, grazie al sostegno e alla collaborazione del rettore del sacello messinese, monsignor Angelo Oteri, che ha curato la trafila burocratica per il trasferimento dall’arcivescovato di Messina. E chi non ha avuto la fortuna e la gioia di assistere all’evento di persona, lo ha potuto seguire grazie alla diretta facebook organizzata da Giuseppe Salerno, futuro giornalista e animatore del gruppo “Castiddruzzu prospettato al mondo”. Una piattaforma turistica nata e attiva per far conoscere e promuovere Castel di Lucio, che ha riscosso così grande successo ed è talmente conosciuta che è stata addirittura istituzionalizzata dall’amministrazione comunale, guidata da Giuseppe Franco. “Un caloroso ringraziamento al CDA di Castiddruzzu prospettato al mondo ed in modo particolare a Giuseppe Salerno – ha scritto Nino Merlino – che con la diretta video, ha consentito di far vedere a chi è lontano l’arrivo delle spoglie di San Placido a Castel di Lucio”. Emozione anche dall’Argentina “Gracias por transmitirlo en directo, para los q estamos lejos es muy emocionante – ha scritto Felipa Iudicello – grazie per la trasmissione in diretta, nonostante siamo lontani è molto emozionante

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close