Sant_ippolito_centro_storico_patti

Dal nuovo volume di don Pisciotta riemergono vicende e personaggi del centro storico.

Patti – Trecentoquarantatre pagine intrise di racconti e testimonianze fotografiche sul territorio della parrocchia di Sant’Ippolito, in pieno centro storico. Dalle chiese alle attività pastorali, dai personaggi famosi e ufficiali ai tanti “sconosciuti” che hanno caratterizzato la vita del luogo.

La penna è quella di don Francesco Pisciotta, parroco della chiesa di S. Ippolito Martire, Vicario giudiziale ed Economo, nonché giu­dice presso il “Tribunale Ecclesiastico Regionale Siculo” di Palermo. Ma anche docente di discipline umanistiche nelle scuole superiori, acuto storico e autore di parecchie pubblicazioni sulla storia della chiesa locale e di alcuni loro eminenti rappresentanti.

La sua ultima fatica letteraria si chiama “Patti Sant’Ippolito. Parrocchia centro storico e dintorni”, la cui presentazione si terrà proprio nella chiesa di Sant’Ippolito (di fronte a Palazzo dell’Aquila) questa sera, venerdì 12 agosto, alle ore 19. La presentazione del volume è affidata al prof. Antonino Orazio Faraci, docente di lettere al liceo classico “Leonardo Sciascia” di Sant’Agata Militello.

Ecco ciò che del libro di don Pisciotta scrive Giovanni Crisostomo Sciacca: “Fedele al suo rigore, descrive e testimonia con rare fotografie il territorio parrocchiale, una volta centro della vita cittadina ma ora tanto degradato da non riuscire a ripopolarsi: le Chiese, Sant’Ippolito, restaurata; Santa Maria degli Agonizzanti con i suoi stucchi serpotteschi, in rovina; le cappelle, scomparse; le attività pastorali sempre più dolorosamente ridotte nei numeri, non per mancanza di fedeli ma di popolo; le persone o meglio i personaggi (…) che davano vita al quartiere, con malinconia affettuosa e disincantata…”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close