montagno bozzone

“Senza Tregua”. Domiciliari per Montagno Bozzone

Tortorici – Il giudice per le indagini preliminari  del Tribunale di Messina Salvatore Mastroeni ha concesso gli arresti domiciliari a Giovanni Montagno Bozzone 51 anni , originario di Totorici, arrestato nell’ambito dell’operazione “Senza Tregua” .

In accoglimento del ricorso di scarcerazione eccepito dagli avvocati di fiducia Alessandro Pruiti Ciarello e Laura Todaro il Gip ha disposto la mitigazione della misura cautela, avverso la quale  aveva espresso parere contrario Il P.M. dott. Cavallo della DDA di Messina, permanendo immutate le esigenze cautelari ed il quadro accusatorio a suo carico . L’inchiesta, condotta dalla DDA di Messina portò lo scorso 29 maggio all’arresto di 23 persone , tra le quali anche il presunto nuovo capo del clan di Tortorici Antonio Foraci ed il figlio Cristian, Giuseppe Sinagra di Sinagra e Massimo Salvatore Rocchetta di Tortorici. Montagno è accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso (416 bis), associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ex art. 74 D.P.R. 309/90 e spaccio di sostanze stupefacenti.

I legali Pruiti e Todaro rimangono adesso  in attesa dell’avviso di conclusione delle indagini. Il Gip Mastroeni aveva già rigettato in precedenza  le richieste di scarcerazione presentate dalle singole difese e rimesso in libertà solo 4 degli imputati ristretti in carcere. Si tratta di Rina Calogero Costanza,  moglie di Antonio Foraci, sottoposta ad obbligo di firma, Simone Ingrillì di Capo d’Orlando e Giovanni Cutè di Messina, senza alcun obbligo e Andrea Favazzo di Tortorici con obbligo di dimora nel comune di residenza.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close