parisi tudisca

Giuseppe Parisi dona un defibrillatore a Tusa

Tusa- Giuseppe Parisi, siciliano d’origine, che da molti anni viva a Padova, ha pensato che “in questo angolo di paradiso vanno anche salvate delle vite”.

E, infatti, Parisi ha donato un defibrillatore semiautomatico DAE, apparecchio “salva cuore” grande come un I-Pad. Parisi lo ha donato al sindaco di Tusa Angelo Tudisca e idealmente affidato agli abitanti e alle migliaia di turisti sempre più numerosi che decidono di trascorrere vacanze e soggiorni nella Castel di Tusa delle due bandiere blu. L’apparecchio potrà essere utilizzato solo dai bagnini che possiedono il patentino per l’uso del defibrillatore e conoscono le tecniche di primo soccorso. Si tratta di uno strumento facile da usare perché funziona in automatico e può consentire, attraverso l’erogazione adeguata di corrente elettrica, di “riattivare” il cuore e di salvare in extremis dalla morte per arresto cardiaco. Statistiche alla mano in Italia muoiono d’infarto circa 60 mila l’anno, con una percentuale annuale di un evento ogni 1000 abitanti,. “Sono sempre rimasto legato alle mie radici – racconta Giuseppe Parisi – qui ho sempre passato le mie vacanze fin da piccolo e ogni anno torno con la mia famiglia per la gioia di stare con tutti i miei vecchi amici. Cerco sempre un modo per fare qualcosa per Tusa, che considero il mio paese. Donare un defibrillatore mi è sembrato un giusto omaggio – continua Parisi – perché se servisse a salvare anche una sola vita io sarei felice. Purtroppo proprio qui a Tusa ci sono stati un paio di casi in cui, forse, il DAE avrebbe cambiato il destino di persone sfortunate”. È una delle spiagge più belle d’Italia, con “Lampare” e “Marina” e ora sarà anche più sicura . Gratitudine ha espresso il sindaco di Tusa Angelo Tudisca “ringrazio Giuseppe Parisi, a nome mio e di tutta la comunità per la generosità e l’amore che nutre per questa città – ha dichiarato il primo cittadino- spero che il gesto di Parisi venga preso ad esempio e molti altri possano fare donazioni per il bene di tutti”. Va detto che non esiste una norma che sancisce l’obbligatorietà del defibrillatore in spiaggia, ma il sindacato nazionale dei balneari sta lavorando perché gli stabilimenti si dotino di questo apparecchio e di personale formato.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close