Book foto

Castel di Tusa cresce, c’è anche il “book sharing”

Tusa – Che le bandiere blu fossero solo un punto di partenza lo sapevamo già ma ancora una volta Catel di Tusa non smette di stupirci.

Sulla spiaggia “Lampare” adesso c’è anche il book sharing, cioè la condivisone di libri. Il meccanismo è semplicissimo: prendere un libro e lasciarne un altro, qualunque sia, purché in buone condizioni. Una sorta di libreria nella seconda spiaggia più bella d’Italia, dove c’è spazio per gli amici a 4 zampe, per i fumatori ed ora anche per gli amanti ed appassionati della lettura. Come sempre, regista dell’operazione book sharing è il consigliere Pasquale Serruto, una delle punte di diamante dell’amministrazione Tudisca. “Vogliamo far girare cultura in modo condiviso e responsabile – dichiara Serruto – leggere in spiaggia è una delle attività maggiormente rilassanti, divertenti e stimolanti e su spiaggia Lampare è possibile farlo. Proposta tra le iniziative Bandiera Blu per migliorare la qualità dell’accoglienza e dei servizi il book sharing è progetto che prevede la partecipazione e la condivisione dei propri libri inutilizzati o doppioni. I libri saranno raccolti gradualmente – continua Serruto – la libreria in spiaggia potrà aumentare di dimensioni man mano che ciascuno porterà il proprio libro, toccherà ad ogni bagnante, turista e cittadino di Tusa farla crescere. Ed a settembre i libri rimasti, si spera numerosi, saranno disponibili nella biblioteca comunale. A breve il regolamento e le istruzioni per donare il proprio libro”. Il booksharing è insomma, uno scambio culturale sostenibile, figlio della versione più ampia conosciuta come bookcrossing, ormai popolare in diverse città del mondo che consiste nell’ “abbandonare” i libri ovunque si preferisca, affinché possano essere ritrovati e letti da altri, che, eventualmente, sono liberi di prenderli, leggerli, e “abbandonarli” a loro volta. La filosofia dal Tirreno al mondi è sempre la stessa “prendi un libro, lascia un libro. Il book sharing, annunciato in rete e sui social, sta riscuotendo un notevole ed entusiasmante successo, l’idea di incentivare la lettura tramite prestiti gratuiti di libri in spiaggia sembra poter funzionare, del resto come diceva Petrarca “non riesco a saziarmi di libri”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close