canapa con arresto

In manette un coltivatore di canapa indiana. Sequestrata una piantagione di 500 piante. Foto e Video

Cesarò – Continua a dare frutti il pattugliamento del territorio nebroideo operato incessantemente dai Carabinieri del Comando Provinciale di Messina e dallo Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” dall’indomani dei fatti di cui è stato vittima il Presidente dell’Ente Parco dei Nebrodi.

Dopo l’arresto di due giovani incensurati sorpresi ad irrigare i primi di luglio le numerose piante di canapa indiana che avevano messo a dimora in un terreno di contrada Scaletta del comune di Cesarò, a finire in manette è stato questa volta GERMANA’ Salvo, agricoltore nato a Bronte il 4 maggio 1976 e residente a Maniace, sorpreso a coltivare circa 500 piante di canapa indiana site in Contrada Cutò del Comune di Cesarò.

foto con stemma 2

Nella serata di ieri, il GERMANA’ è stato sorpreso dai Carabinieri della Compagnia di S. Stefano di Camastra e dai Cacciatori di “Calabria”,  mentre si prendeva cura  della piantagione che, composta da arbusti alti fino a circa 2 metri, era stata realizzata  in maniera tale da essere  mimetizzata nella fitta vegetazione circostante e invisibile all’occhio dei comuni cittadini.

Ciò tuttavia, non è bastato ad ostacolare i militari, che, individuata l’area e averla circondata  hanno proceduto all’arresto dell’utilizzatore, poi tradotto alla Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania.

Le piante sono state estirpate e inviate al RIS di Messina.

foto con stemma 3

foto con stemma 5

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close