guardia_costiera

Sequestrati sei Km di reti illegali al largo di Capo Milazzo

Milazzo – Gli uomini della Guardia costiera hanno sequestrato sei chilometri di reti illegali al largo di Capo Milazzo posate per la pesca di Tonni e pesce spada.

Il personale a bordo di una Motovedetta e di un Gommone, ha accertato la presenza di attrezzi da pesca in mare senza la sigla identificativa della barca che li aveva posati, in violazione alle normative nazionali e comunitarie.

Si trattava, si legge nel comunicato stampa della Guardia Costiera, di una rete illegale posizionata ad una distanza di circa 3 miglia a nord di Capo Milazzo. «Per caratteristiche costruttive (larghezza di maglia, trama di filato, ecc.) è classificabile come ferrettara irregolare, attrezzo che da anni è stato dichiarato illegale e che di norma viene utilizzato per la pesca dei grandi pelagici (tonni, pescespada, ecc)».

Ulteriori sanzioni sono state elevate a carico di conduttori di pescherecci per irregolarità accertate in merito all’errata compilazione dei giornali di pesca in cui vengono annotate le catture effettuate, che consentono il controllo del pescato dallo sbarco alla sua commercializzazione, e per la mancata comunicazione preventiva dello sbarco di prodotto appartenente alla specie del pescespada. Secondo il resoconto non sono mancati momenti di tensione tra gli uomini della capitaneria e l’equipaggio.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close