marzullo gds

Eseguita l’autopsia sul corpo di Marzullo. Tra sessanta giorni le risultanze

BARCELLONA – Non sarebbe emerso alcun particolare rilevante dall’esame autoptico eseguito sul corpo di Giuseppe Marzullo, il commercialista di 72 anni rinvenuto cadavere a Pozzo Perla, in Via Case Alesci, nella notte tra il 20 e il 21 giugno scorsi. Nulla di nuovo rispetto a quanto inizialmente ipotizzato dagli inquirenti, propensi per l’ipotesi del suicidio. Saranno comunque le risultanze che saranno rese note tra sessanta giorni a chiarire alcuni aspetti che potranno delineare in modo forse definitivo il quadro investigativo. Secondo una prima ricostruzione, Marzullo sarebbe morto per le inalazioni dei fumi sprigionati dal principio di incendio divampato a bordo della sua BMW. Su un sedile della vettura è stata ritrovata una tanica utilizzata per trasportare del liquido infiammabile che lo stesso avrebbe acquistato presso un distributore di benzina. L’autopsia, eseguita dal medico legale Giulio Cardia, si è svolta alla presenza dei periti di parte. Rimangono comunque numerosi interrogativi sulla fine del commercialista. Familiari e amici non riescono a dare una spiegazione a un gesto così estremo da parte di un uomo che ha sempre dato l’impressione di essere tranquillo e di non avere preoccupazioni tali da indurlo al suicidio.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close