minoranza

CASO GARIBALDI: “IL SINDACO PAGHI LE SPESE COME PROMESSO”


“I 5mila e 292 euro deve pagarli il Sindaco e non i cittadini”. Così i consiglieri di minoranza Sanfilippo, Trusso, Micale e Gemmellaro, in una interrogazione presentata questa mattina al Sindaco di Capo d’Orlando, chiedono proprio al primo cittadino di rispettare le promesse fatte pubblicamente e di rimborsare l’Ente Comunale delle spese legali già pagate per la vicenda del cambio di toponomastica di Piazza “Giuseppe Garibaldi”. Di seguito l’interrogazione itegrale:

I sottoscritti, Giuseppe Trusso Sfrazzetto, Gaetano Sanfilippo Scimonella, Salvatore Alessio Micale e Gaetano Gemmellaro, Consiglieri comunali dei Gruppi “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando”, premesso:
– che, in data 4/07/2008, la S.S. – su iniziativa personale – ha “martellato” la targa toponomastica di Piazza “Giuseppe Garibaldi”;
– che, nel corso della relativa vicenda giudiziaria, la S.S. ha pubblicamente dichiarato che, in caso di soccombenza, si sarebbe fatto carico – a titolo personale – delle spese del giudizio senza farle gravare sulle casse comunali (e quindi sui cittadini);
– che, a differenza di quanto pubblicamente dichiarato, con determina n. 124 del 28/05/2010, è stata invece impegnata nel bilancio comunale (e quindi a carico dei cittadini) la complessiva somma di € 2.619,27 (codice 01010803, Cap. Peg 130, Impegno n. 542/10) per pagare le spese del giudizio conclusosi con la sentenza n. 171/2010, che ha visto soccombere il Comune;
– che, a differenza di quanto pubblicamente dichiarato, con delibera di giunta n. 250 del 6/10/2010 (parzialmente rettificata dalla delibera di giunta n. 267 del 27/10/2010), è stata invece impegnata nel bilancio comunale (e quindi a carico dei cittadini) la complessiva somma di € 966,80 (Codice 01010803, Cap. Peg. 138, Impegno n. 984/10) per impugnare un decreto prefettizio;
– che, con sentenza n. 284/2012 il TAR, data l’inadempienza del Comune, ha condannato la S.S. ad eseguire la sentenza n. 171/2010 dello stesso Tribunale e a rimuovere la targa ripristinando la precedente intitolazione di “Piazza Garibaldi”;
– che anche con tale ultima sentenza il Comune è stato nuovamente condannato al pagamento di ulteriori spese per € 800,00 (cui si sommano € 906,72 per IVA, CPA, spese generali e contributo unificato, nonché quelle eventualmente occorrenti per l’intervento del Prefetto nella qualità di Commissario ad acta in caso di ulteriore perdurante inadempienza del Comune);
– che tale iniziativa “a titolo personale” ha comportato una spesa complessiva pari a € 5,292,79;

quanto sopra premesso e ritenuto: chiedono alla S.S. di dare esecuzione immediata alla citata sentenza del TAR n. 284/2012, provvedendo, così come pubblicamente dichiarato, al pagamento – a titolo personale – di tutte le spese ingiustamente determinate.
– Si allegano la sentenza n. 284/2012, la determina n. 124/2010, le delibere della G.M. n. 250 e 267/2010.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close