ipercoop2

Rubava Whisky e Rum molto costosi al Parco Corolla, arrestato

Milazzo – Nella giornata di domenica i Carabinieri della Stazione di Milazzo, agli ordini del Maresciallo Aiutante Tommaso La Rosa, intervenuti all’Ipercoop del Parco Corolla, hanno arrestato in flagranza per furto aggravato SCHILIRO’ VINCENZO, 33enne di Messina già noto alle Forze dell’ordine.

L’arrestato aveva ideato un modo ingegnoso per asportare costosi distillati, in particolare Whiskey e Rum, dagli scaffali dell’Ipercoop. Approfittando della confusione della domenica, riusciva a portare la merce d’interesse in aree meno trafficate dell’ipermercato e meno sorvegliate dall’impianto di videosorveglianza e con grande destrezza riusciva a privare la merce dei dispositivi antitaccheggio e del codice a barre. Il 33enne, che probabilmente operava “su commissione” perché era interessato solo a 2 costose e ben note marche di distillati, aveva intenzione di saccheggiare completamente il reparto liquori. Il furto sarebbe andato avanti ancora per molto se non fossero intervenuti i Carabinieri, i quali, allertati dal servizio di vigilanza, sorprendevano SCHILIRO’ nella flagranza del reato recuperando l’intera refurtiva rubata che ammonta a circa 500 euro. A coordinare le indagini il Sostituto Procuratore di turno della Repubblica di Barcellona Pozzo Dottor Alessandro Liprino e il Procuratore della Repubblica Dottor Emanuele Crescenti, che disponevano l’arresto del 33enne per furto aggravato in concorso.

 

La notte scorsa i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Milazzo agli ordini del Maresciallo Aiutante Rocco Fleres hanno arrestato tre rumeni già noti alle forze dell’ordine per furto aggravato in concorso, si tratta di

LACATUS SABIN SAMUEL, 23enne

LACATUS Sabin Samueel

DURNOIU MARTIUS DIONISIE, 34enne

DURNOIU Marius Dionisie

CIURAR CLAUDIO SEBASTIAN, 39enne

CIURARClaudio Sebastian

I Carabinieri del Radiomobile di Milazzo, mentre svolgevano un servizio notturno finalizzato proprio alla prevenzione dei furti, venivano insospettiti dalle luci di alcune torce e dagli strani rumori di effrazione provenienti dall’interno di un deposito di una rivendita di materiale elettrico. Dopo una veloce perlustrazione, si accorgevano che era in corso un furto e che i ladri erano ancora all’interno del deposito intenti a rubare. Dopo aver circondato l’area, decidevano di fare irruzione e  sorprendevano i tre rumeni mentre erano intenti ad asportare vario materiale elettrico e un impianto di videosorveglianza. I tre ladri avevano anche in dotazione un furgone Mercedes, che veniva sequestrato, sul quale avevano già in parte caricato la refurtiva. La merce rubata, del valore complessivo di  circa €. 20.000,00 veniva interamente recuperata e restituita al proprietario del deposito. A coordinare le indagini il Sostituto Procuratore di turno della Repubblica di Barcellona Pozzo Dottor Alessandro Liprino e il Procuratore della Repubblica Dottor Emanuele Crescenti, che disponeva l’arresto dei tre rumeni per furto aggravato in concorso e la loro traduzione presso i rispettivi  domicili in regime arresti domiciliari.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close