trio

Viaggio tra i voti incrociati – La favola su Alessio Micale e l’accoppiata Paterniti/Di Bella

Capo d’Orlando – Come promesso ecco la seconda parte dell’inchiesta sui risultati elettorali delle scorse amministrative grazie ai dati diffusi da capodorlando.live.

Un lavoro certosino, interessante, scrupoloso quello svolto dal blog capodorlando.live che grazie all’elaborazione di una specifica app è riuscita ad integrare con maggiori dettagli il risultato elettorale delle ultime consultazioni orlandine del 5 giugno scorso. Ricordiamo che i voti nelle tabelle sono riferiti alle 8.934 schede (96% del totale) acquisite dall’App “e-polling”.

Ricominciato dalle due liste sicuramente più attese in questa tornata elettorale. “Valore Pubblico” e “Lista Orlandina”. La prima, a sostegno del candidato sindaco Salvatore Librizzi ha ottenuto un ottimo risultato confermando le aspettative. Tra le donne, come è possibile verificare con la tabella riportata di seguito, sono pochi i voti che le “candidate” hanno ricevuto senza “accoppiata”. Il neo consigliere Angiolella Bottaro 28 ed il resto davvero poca cosa. Questo fa anche capire come la stessa Bottaro abbia sfruttato al meglio la nuova legge elettorale grazie agli ottimi risultati ottenuti insieme ad Alessio Micale (92), Giuseppe Trusso (48) e  Carmelo Sonsogno (38). In effetti tutte le donne di “Valore Pubblico” hanno lavorato bene con la preferenza di genere come Roberta Librizzi insieme a Gaetano Sanfilippo (37).

valore_pubblicoDU

Per quanto riguarda gli uomini salta subito all’occhio un dato decisamente importante. In totale sono ben 631 i voti secchi che i candidati hanno ottenuto. Un numero impressionante rispetto alle altre liste sin qui spulciate. Sono 193 voti singoli di Sanfilippo rispetto ai 173 di Alessio Micale che comunque è stato eletto con 401 voti totali, 26 in più di Sanfilippo. E’ abissale la differenza tra i voti “secchi” ricevuti dalle donne rispetto agli uomini di “Valore Pubblico”.

valore_pubblicoUD

Ma la seguente è forse la tabella più interessante che mette a tacere, una volta per tutte, le tante voci che ha dovuto subire Alessio Micale subito dopo l’ottimo risultato ottenuto. A discapito di quanto era stato insinuato, e cioè che sarebbero stati più di 180 i voti che Micale aveva ricevuto senza indicazione di Sindaco, nella realtà sono stati soltanto 26 con ben 314 a sostegno di Librizzi e 47 ad Ingrillì. Un dato inconfutabile che mette chiarezza sul possibile appoggio paventato dei M5S che non avrebbe votato un sindaco appoggiando però Alessio Micale. Non è stato così.

valore_pubblicoS

Passiamo adesso alla lista coordinata dall’attuale e riconfermato Vice Sindaco Aldo Sergio Leggio. Due i seggi conquistati con un ottimo risultato complessivo. Ed è proprio l’assessore alla manutenzione, da buon coordinatore, che ha distribuito in maniera uniforme il proprio appoggio. A funzionare meglio comunque l’accoppiata con la Buzzanca seguita a ruota con la Stabile e la Todaro. La stessa Buzzanca ha lavorato bene anche con l’uscente Emiliano Amadore come il neo consigliere Fardella con la Todaro e la Lo Presti.

orizzonteorlandinoDUomini

Tra gli uomini è sempre Leggio a tenere banco. Infatti è colui che ha avuto il maggior numero di preferenze secche, ma come detto prima, è stato anche colui che ha maggiormente distribuito i suoi voti “di genere”. Anche Fardella ne ha ricevuti 73 e terzo Amadore con 66. A differenza delle donne, anche in questo caso, sono più numerosi i voti singoli degli uomini. A voi lettori le dovute considerazioni.

orizzonteorlandinoUDonne

L’appoggio al candidato Sindaco Franco Ingrillì è stato importante della lista “Orizzonte Orlandino”. Poche, se non pochissime, le preferenze segnate senza scelta del candidato sindaco.

orizzonteorlandinoSindaci_

Per quanto riguarda la “Lista Orlandina” a sostegno del candidato Ingrillì è uno il dato che sin dalla prima tabella salta subito all’occhio. L’accoppiata Paterniti/Di Bella (entrambi nominati assessori) è andata fortissimo (ripetiamo che non è possibile stabilire chi ha aiutato chi). Sono ben 129 i voti in comune tra i due che distaccano più del doppio tutte le altre accoppiate. Linda Liotta ha ricevuto 58 voti “secchi”.

listaorlandinaDonneU

Nonostante l’incredibile risultato ottenuto da Andrea Paterniti (540 preferenze) è significato il fatto che ne abbia ottenuti soltanto, si fa per dire, 109 singoli. Ricordate Alessio Micale e Gaetano Sanfilippo? Anche se notevolmente distaccati da Paterniti, oltre 130 voti in più, ne hanno ricevuti “secchi” rispettivamente 173 e 193. Questo significa che il neo Assessore Paterniti ha saputo far confluire maggiori consensi “di genere” favorendo palesemente tra tutte Susanna Di Bella. Ma anche per Rosario Milone vale lo stesso discorso soltanto che l’ex assessore al Turismo ha distribuito più uniformemente le sue preferenze.

listaorlandinaUominiD

Qui il dato è significativo. Il sostegno ad Ingrillì c’è stato anche se 48 sono state le schede con Paterniti consigliere e nessun sindaco indicato. Per il resto compatti praticamente tutti a sostegno del proprio candidato sindaco.

listaorlandina_Sindaci

Adesso la lista che alla vigilia sembrava essere la più debole delle nove scese in campo. I risultati hanno confermato le aspettative tanto che è stata l’unica a non riuscire a superare la soglia di sbarramento. Qualche domanda però sorge spontanea. Possibile che ci sono candidati in questa lista residenti a Capo d’Orlando che hanno ricevuto zero preferenze? Non si sono nemmeno autovotati? Evidentemente no. L’ottimo risultato personale di Annalisa Germanà non è bastato.

capodorlandomiglioreDU

Poco da dire anche sulle preferenze assegnate agli uomini candidati della lista “Capo d’Orlando migliore”.

capodorlandomiglioreUD

Di seguito la tabella che riguarda il sostegno della lista al candidato Sindaco.

cdomiglioreSnew

Chiudiamo con “Insieme per cambiare” coordinata dall’ex sindaco Massimo Carrello. L’accoppiata migliore di questa lista è quella Carmelo Galipò/Giada Iuculano. Pochi i voti singoli delle candidate ma questo è una costante in tutte le liste.

insiemepercambiareDU

Discorso completamente diverso per gli uomini. Galipò (94) ed Abate (74) infatti hanno ricevuto un cospicuo numero di voti secchi rispetto ai complessivi ottenuti.

insiemepercambiareUD

Carmelo Galipò ha ottenuto quasi lo stesso numero di preferenze (due in meno) senza indicazione di sindaco di Alessio Micale della lista “Valore Pubblico”. Per il resto l’appoggio a Franco Ingrillì è stato importante anche in questa lista.

insiemepercambiareSnew

Ringraziamo il blog capodorlando.live per i dati pubblicati che ci hanno consentito di poter analizzare ancora più approfonditamente i risultati elettorali delle passate amministrative.

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close