Pronta la foto

In 5 dicono “fuori da Halaesa”, Lucifaro ha una proposta

S.Stefano – Un ultimatum per uscire dal Consorzio intercomunale “Valle dell’Halaesa”. I consiglieri di maggioranza, il capogruppo Giuseppe Lucifaro e Santo Rampulla, e i consiglieri di opposizione Giuseppe Esposito, Nino Ferrigno e Rita Torcivia hanno presentato una richiesta di autoconvocazione per discutere del “recesso dal Consorzio”. Nato nel 2001, ne fanno parte Castel di Lucio, Motta d’Affermo, Pettineo, Tusa e Mistretta, non ha soldi né progettualità, i dipendenti sono senza stipendio e i comuni associati continuano a non pagare la quota, circa 12.500 euro l’anno.

La scelta bipartisan dei consiglieri Lucifaro la spiega così “Abbiamo aspettato fin ora per valutare e decidere tutti insieme come agire, per verificare se ci sono progetti in itinere, chiedendo anche al nostro sindaco di presentare una relazione su atti, fatti e numeri non c’è pregiudizio a rimanere nel consorzio – dichiara il capogruppo di maggioranza – a noi costa 12 mila euro l’anno, conviene risparmiare e destinare risorse ad altro. Ho proposto provocatoriamente di creare un’unione dei comuni con Reitano e Caronia, alla luce della sinergia creata e del risultato ottenuto per quanto concerne la gestione congiunta del servizio dei rifiuti. Ho già pensato al nome – conclude Lucifaro – “Unione dei comuni della valle del Valdemone” con S.Stefano capofila. L’appello è rivolto alla politica locale, anche al sindaco e al presidente del consiglio”.

La replica del presidente del consorzio e sindaco di Motta D’Affermo Nunzio Marinaro, che da qualche giorno “a rotazione” ha passato il testimone al primo cittadino di Pettineo Pino Liberti, non si è fatta attendere. “Mi sorprende la provocatoria e bizzarra proposta dei consiglieri firmatari – ha detto Marinaro –in una riunione a S.Stefano, in cui erano presenti tutti i sindaci abbiamo ragionato sulla possibilità di costituire un’unione dei comuni della valle dell’Halaesa, per la gestione congiunta dei servizi, che per statuto non può essere fatta dal Consorzio. L’idea è comunque mantenere il Consorzio con funzioni di promozione e progettazione”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close