guardia-costiera

Ecco le 20 regolare da rispettare per le strutture balneari dettate dall’ufficio circondariale marittimo

Sant’Agata Militello – Presso i locali dell’ Ufficio Circondariale Marittimo si è tenuta una riunione con i titolari delle strutture balneari presenti in tutto il territorio costiero di giurisdizione che si estende dalla foce del torrente Sant’Angelo di Brolo del Comune di Brolo (ME) e la foce del torrente Pollina del Comune di Tusa (ME).

Lo scopo principale dell’incontro presso l’Ufficio Circondariale Marittimo è stato quello di esporre sinteticamente il contenuto della nuova “Ordinanza di sicurezza balneare” n. 05/2016 emanata il 01 giugno u.s. con l’obiettivo di disciplinare il sicuro svolgimento delle attività in mare nel corso della stagione estiva, dettando regole e divieti da osservare per prevenire ogni possibile situazione di pericolo.

In tutto 20 articoli, liberamente consultabili sul sito dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Sant’Agata Militello (www.guardiacostiera.gov.it/sant-agata-di-militello), alla sezione “Ordinanze”, che disciplinano e regolamentano meticolosamente le dotazioni degli stabilimenti balneari, le distanze di sicurezza da mantenere in mare, i limiti dell’attività di pesca dalla costa e le aree interdette alla balneazione in quanto pericolose per la pubblica incolumità. L’applicazione della maggior parte delle norme va dal 1 aprile al 31 ottobre, come previsto dall’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana.

Come si evince, quindi, dal nuovo provvedimento amministrativo, l’obiettivo preminente è la sicurezza e la salvaguardia della vita umana in mare difatti è stato disposto, tra le altre norme già vigenti, che il servizio all’interno delle strutture balneari dovrà essere assicurato contemporaneamente da non meno di due assistenti bagnanti.

L’assistenza alla balneazione assicurata dalle strutture balneari costituisce da sempre una articolazione specialistica dell’organizzazione cosiddetta S.A.R. (search and rescue – ricerca e soccorso) con cui vige un obbligo di collaborazione sancito espressamente anche nell’Ordinanza al fine di aumentare il gradiente di sicurezza complessivo dei bagnanti.

Infine, per la massima diffusione, preme ricordare anche per quest’anno l’importanza del numero blu 1530 da utilizzarsi per qualsiasi tipo di emergenza in mare.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close