tribunale-patti

Processo “Camelot”: ritratta un testimone dell’accusa

Sant’Agata Militello – Nuova udienza Camelot, escussi Carmiciano e Donato.

Il collegio giudicante del tribunale di Patti presieduto da Sandro Potestio e composto dai giudici a latere Vona e Torre ieri nel corso della nuova udienza del processo scaturito dall’operazione “Camelot”, sugli appalti pubblici di Sant’Agata Militello, ha escusso i due testimoni dell’accusa Giuseppe Carmiciano e Marcello Donato Lemma. Carmiciano è stato esaminato dal procuratore capo della Repubblica Rosa Raffa, dalla parte civile rappresentata dall’avvocato Fabio Repici e dalle singole difese tra le quali gli avvocati Massimiliano Fabio, Luciano Coppolina, Sacco, Grazia Volo, Giuseppe Mancuso, Alfio Pappalardo e Santino Trovato.

Pare che Carmiciano abbia parzialmente non confermato le dichiarazioni iniziali, tanto che il procuratore Raffa ha disposto il trasferimento degli atti all’ufficio della Procura per valutare l’eventuale configurazione dei reati di calunnia e falsa testimonianza. Per il protrarsi dell’udienza sino a tardo pomeriggio il teste Donato è stato esaminato dal procuratore Rosa Raffa e dall’avvocato Fabio Repici.   L’udienza è stata poi aggiornata al prossimo 8 luglio per il controesame delle difese di Donato Lemma e per l’audizione del luogotenente Francesco Di Maio, Claudio Frusteri Chiacchiera, dipendente comunale  e Giuseppe Puleo, all’epoca dei fatti consigliere comunale.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close