ricevuto_ppjpg

RICEVUTO: “PER LE STRADE COLPA DEL CONSIGLIO”


Si è tenuto questa mattina, a Capo d’Orlando, presso la sede dell’Orlandina Calcio una conferenza stampa, organizzata dal coordinatore locale del Pdl Renato Mangano con il Presidente della Provincia di Messina Nanni Ricevuto. L’incontro ha avuto inizio proprio con le parole di  Mangano che ringraziando le persone presenti per aver accettato l’invito, precisa che lo scopo di tale meeting non è quello di alimentare fuoco ma anzi di gettarci dell’acqua sopra, di poter dare rassicurazioni su tutto ciò che è avvenuto in passato nel territorio provinciale e di dare la possibilità agli organi di stampa di fare domande a scopo di chiarimenti in presenza dell’ingegnere Sidoti e soprattutto del Presidente della Provincia. Il primo argomento su cui il Presidente è stato tenuto a rispondere  riguarda  la questione Enoteca  provinciale costituita a Villa Piccolo la scorsa primavera e che, successivamente si è fermata.  “Proprio questa mattina – ha affermato Ricevuto-  si è tenuto un incontro insieme al presidente del Gal Nebrodi Plus Francesco Calanna e al presidente della Pro Loco Nino Letizia. Abbiamo ideato un percorso culturale individuandolo nell’enoteca a villa Piccolo e far, come mi piace dire “arte in cantina”, promozione tra il connubio dell’arte nel territorio ed i nostri prodotti tipici. L’enoteca potrà essere in funzione con varie iniziative ideate entro la fine del mese di marzo.”  Si è continuato poi col parlare riguardo gli Uffici periferici della provincia e, Ricevuto ha spiegato che il Sindaco di Capo d’Orlando sta concedendo e mettendo a disposizione gli ampi locali inutilizzati all’interno dell’Istituto Merendino  e le attività ,dovrebbero partire già a Marzo. In quei locali, ed in altri nella provincia che saranno situati a Sant’Agata Militello eTaormina, verranno creati degli sportelli decentrati dell’amministrazione provinciale per tutto ciò che riguarda i servizi del territorio.
“Adesso ci può parlare della questione strade signor Presidente? E senza promesse o interventi tamponi”. Così un giornalista presente in sala ha spostato con la sua domanda l’attenzione sul forse argomento più atteso della giornata perché centro di polemiche: la riqualificazione delle strade Consolare Antica e Trazzera Marina.
“Sono stati svolti tempestivamente i lavori che si potevano fare –risponde Ricevuto- e cioè quelli del rattoppo, sappiamo che non sono esaustivi ma intanto ci mettiamo su una pezza. Per quello che riguarda le strade bisogna fare un excursus. La giunta provinciale e  il Presidente hanno fatto quello che era opportuno si facesse, abbiamo fatto le delibere di giunta per attestare questa grande volontà, abbiamo chiesto alla cassa dei prestiti circa la disponibilità alla devoluzione di un mutuo, perché da dove li prendevamo questi soldi? Li abbiamo presi dalla devoluzione di un mutuo che in passato era indirizzato ad altre finalità ed abbiamo avuto un riscontro positivo da parte della cassa. C’è però una legge secondo la quale per avere la devoluzione di un mutuo, soprattutto quando si cambia destinazione di questo, occorre avere un espresso parere del consiglio provinciale. Tempestivamente abbiamo fatto la delibera di giunta passandola al consiglio provinciale perché si esprimesse e, questi non la prendono in considerazione. A fine anno, abbiamo fatto di tutto affinché la questione venisse risolta a breve tempo ma il consiglio provinciale è purtroppo venuto meno. Sono però convinto che prima possibile si arriverà ad una conclusione, di questo però noi non possiamo essere criminalizzati, è una norma, una legge dello stato.” Stesso discorso vale anche per i lavori di riqualificazione del lungomare. Aggiunge ancora poi il Presidente “Scuola e strade sono e saranno i cavalli di battaglia dell’amministrazione provinciale ma bisognerà avere ancora un po’ di pazienza per quanto riguarda l’inizio dei lavori perché non dipende da me come vi ho già spiegato ma dalla volontà di altri. Posso comunque dirvi di avere la percezione che questa situazione di complessivo equilibrio che porta all’approvazione di queste norme possa esser fatta. Manca dunque il parere del consiglio provinciale , l’approvazione del bilancio di previsione e la seduta del 15 febbraio. Passando quello possiamo andare avanti nell’iter per la sistemazione delle strade”. Ricevuto ha poi dichiarato, una prossima ricandidatura alle elezioni provinciali, di essere contento del lavoro svolto in questi anni di mandato anche se, avrebbe potuto fare di più ma negli ultimi anni la Provincia ha avuto gravi problemi economici . “Massima è l’attenzione nei confronti del vostro paese e spero che la situazione si concluda a breve” e  con queste parole conclude il discorso il Presidente della Provincia di Messina. 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close