mirto

“La formazione e le imprese per il rilancio dell’economia”

Mirto – Si è svolto questa mattina, presso la Sala delle Capriate del Palazzo Cupane, il convegno “Istituzioni, Scuola e Impresa per valorizzare le tradizioni e rilanciare il settore tessile sui Nebrodi” grazie alla formazione.

Il punto chiave, su cui hanno insistito i tanti interlocutori che hanno preso parte all’incontro, è quello della necessità di puntare ancora con più efficacia sull’alternanza scuola-lavoro e sulla formazione lavorativa degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Il convegno, presentato dal Sindaco di Mirto Maurizio Zingales, ha fatto registrare la partecipazione di diverse personalità politiche, imprenditoriali e scolastiche della nostra Regione: l’On.le Bruno Marziano, Assessore Regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale, l’On.le Bernadette Grasso, Deputato Regionale all’Assemblea Regionale Siciliana e attuale Sindaco di Caprileone, l’On.le Filippo Panarello, Deputato Regionale all’ARS, Filippo Miracula, Imprenditore Tessile, la Prof.ssa Antonietta Emanuele, Dirigente Scolastico dell’ITET (Istituto Tecnico Economico e Tecnologico) “Giuseppe Tomasi di Lampedusa” di Sant’Agata di Militello, il Prof. Bartolomeo Megna, Docente di Scienza e Tecnologia dei Materiali dell’Università degli Studi di Palermo e l’Arch. Giuseppe Miraudo, Direttore del Museo del Costume e della Moda Siciliana di Mirto.

L’Assessore Regionale Bruno Marziano ha messo in evidenza come l’alternanza scuola-lavoro sia il segnale più profondo del cambiamento formativo in Italia. Riprende la Strategia di Lisbona, in cui si afferma “Se vogliamo fare dell’Europa il continente più competitivo, bisogna puntare sul sapere, sulla qualità del sapere e sul percorso formativo”. Marziano conclude poi il suo intervento così: “Proprio stamattina ho firmato il decreto regionale della certificazione delle competenze, che permetterà agli studenti al quarto anno delle superiori di avere un diploma, che possa essere riconosciuto anche al di fuori della Sicilia. La Regione Sicilia ha applicato un forte investimento sull’edilizia scolastica di circa 156 milioni di euro, per dotare la maggior parte degli Istituti superiori della rete Wi-Fi e della banda larga. Un altro investimento è stato attuato nei confronti delle Università, per cui sono stati finanziati 200 dottorati di ricerca per le facoltà ordinarie e 87 per gli specializzandi in Medicina. Noi come Regione abbiamo anche rilanciato gli ITS, gli Istituti Tecnici Superiori, che sono scuole ad alta specializzazione tecnologica e che rappresentano un livello intermedio tra la scuola e il lavoro”.

Bernadette Grasso ha parlato della sinergia creata tra i vari Comuni del comprensorio nebroideo, per esaltare l’eccellenza di questo territorio. Il Comune di Caprileone, come diversi altri paesi, ha stanziato delle Convenzioni con gli Istituti superiori di Sant’Agata di Militello per lo svilippo dell’alternanza scuola-lavoro.

L’On.le Filippo Panarello ha fatto notare come le grandi potenzialità del territorio dei Nebrodi debbano essere combinate con le opportunità di utilizzazione dei fondi comunitari.

L’imprenditore tessile Filippo Miracula ha descritto la sua esperienza personale, all’interno della sua azienda, la “San Lorenzo Confezioni”. Attualmente l’azienda ha un indotto di più di 2000 persone e vengono lavorati al suo interno i capi più importanti a livello mondiale.

La Prof.ssa Antoniella Emanuele ha ricordato che il Comune di Mirto e l’ITET di Sant’Agata di Militello hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa per l’alternanza scuola-lavoro; infatti alcuni studenti dell’Istituto santagatese svolgono ore di tirocinio presso l’ente comunale. Inoltre quest’anno è partito un nuovo indirizzo all’interno dell’ITET, quello di Calzaturificio e Moda, che è l’unico indirizzo esistente di questo tipo nella Provincia di Messina. Gli studenti di questo Istituto sono stati inseriti nel programma FIXO, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il quale ha il compito di diminuire la disoccupazione giovanile.

Il Prof. Bartolomeo Megna ha parlato della presenza all’Università di Palermo di un Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali. Si tratta di un’eccellenza nell’ambito universitario siciliano, in quanto questo è uno degli otto corsi accreditati a livello nazionale e l’unico a sud di Napoli. Il Corso, partito con una diversa struttura nel 2004/2005 e poi diventato abilitante nel 2011/2012, ha una forte ricaduta sul territorio, garantisce formazione e possibilità di lavoro.

L’Arch. Giuseppe Miraudo ha apprezzato molto questa iniziativa e ha confermato l’appoggio del Museo mirtese a questo tipo di iniziative.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close