ROSARIO MILONE A “RUOTA” LIBERA


Ieri mattina, dopo la conferenza stampa sulla programmazione del Carnevale, abbiamo intervistato l’Assessore al Turismo del Comune di Capo d’Orlando, Rosario Milone. Abbiamo chiesto un resoconto sulle manifestazioni Natalizie, soffermandoci sulla ruota panoramica, che soltanto qualche settimana fa non aveva mancato di provocare polemiche e dissensi fra i cittadini. Ecco, di seguito, le dichiarazioni dell’Assessore:

Ogni anno la nostra Amministrazione ha cercato di inventare un tema da dare al nostro Natale. Gli scorsi anni abbiamo portato la pista di pattinaggio che ha riscontrato un ottimo successo e questa volta abbiamo deciso di cambiare e di ristupire gli orlandini. Abbiamo cercato per quattro anni una ruota panoramica e finalmente quest’anno il nostro Sindaco è riuscito a portarla nel nostro paese. Spesso, però, si cade nell’errore di considerare Capo d’Orlando come se fosse la città di Londra o di Parigi, con le loro stupende ruote panoramiche e magari si aspettava qualcosa di più grande, ma che in maggiori dimensioni nel nostro paese non  avrebbe potuto entrarci. Mi è stato più volte detto: “Rosario ma questa ruota è brutta e vecchia.” Sì ma è anche l’unica ruota presente da Napoli in giù ed al costo di 8 mila euro abbiamo goduto di questa attrazione per 25 giorni. Ruota sì, ruota no, sicuramente se n’è parlato, nel bene o nel male, e la nostra si è riconfermata la politica del fare!

Quest’anno ho provato a coinvolgere ad esempio i commercianti, chiedendo loro di mettere una piccola cifra a testa e avrei portato da Caltagirone delle statue di ceramica ad altezza umana creando un bellissimo presepe. È che purtroppo quando gli dici di mettere mani ai portafogli si tirano tutti indietro parlandomi di crisi.

Sono contento comunque degli obiettivi che sempre riusciamo a raggiungere e siamo un paese che fa parlare di sé. Onestamente avete mai sentito parlare di un Carnevale o Natale nei paesi limitrofi? Noi ci dovremmo paragonare a Sant’Agata Militello, Patti o Barcellona? Qui stiamo addirittura superando Milazzo. Nei giornali non esce la notizia degli altri paesi che organizzano qualcosa, noi sì, ci siamo.  Bisogna uscire dall’apatia, e non bisogna fermarsi e piangersi addosso. Noi sappiamo reinvertarci giornalmente per far parlare sempre il nostro paese.”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close