villa_pisani_museo_mare

A Villa Pisani nasce il Museo del Mare tra percorsi tradizionali e interattivi

Patti – Una porzione della storica Villa Pisani di Patti Marina, attuale sede della biblioteca comunale, sta per ospitare il nuovo Museo del Mare. L’inaugurazione è prevista sabato 28 maggio alla presenza delle autorità cittadine.

La realizzazione del museo si è resa possibile grazie alla misura 3.1 del Piano di sviluppo locale del Gac “Golfo di Patti” che ha previsto, tra le varie azioni, la possibilità di riqualificare una porzione dello stabile adibito a biblioteca comunale, procedendo all’acquisto di un impianto di illuminazione pensile, di attrezzature informatiche, di arredi e materiali utili all’allestimento di un museo che raccolga, cataloghi e racconti gli elementi identitari e la storia della marineria peschereccia del golfo.

L’obiettivo, aderente alla misura del Psl, punta alla “promozione della qualità dell’ambito costiero”, valorizzando gli elementi di pregio ambientale, naturalistico e culturale di un’area intesa come base su cui organizzare una specifica offerta eco – turistica legata alla cultura del mare e dello spazio rurale.

L’azione è stata attuata direttamente dal Gac all’interno della struttura pubblica di Patti Marina, resa disponibile dal Comune a titolo di comodato d’uso gratuito. «Le previsioni progettuali – si legge nella delibera di giunta  approvata alcuni mesi fa – appaiono adeguate alle finalità che si intendono perseguire, ed è acclarata la compatibilità urbanistica per le opere da realizzare».

La realizzazione del progetto è ad esclusiva titolarità della società consortile, mentre la convenzione contempla la gestione dei lavori di riqualificazione di una porzione della struttura, più l’affidamento e il mantenimento del museo per un massimo di dieci anni a partire dalla realizzazione dell’opera. Come da accordo, il Gac  godrà di tutti i redditi e le utilità che scaturiranno dalla gestione della struttura e non sarà responsabile dei danni arrecati ai beni mobili e immobili che rimarranno sotto vigilanza e manutenzione ordinaria e straordinaria del Comune, cosi come la pulizia dell’area e la vigilanza. Dal canto suo la società consortile ha provveduto alla realizzazione del progetto utilizzando il finanziamento previsto dall’asse IV misura 4.1 del Fondo europeo per la pesca, quantificabile in poco meno di 100mila euro.

Il museo allestito in alcune stanze di Villa Pisani prevede una parte tradizionale per l’esposizione dei reperti e un’altra interattiva con supporti video e percorsi sensoriali che consentiranno di simulare un’immersione nei fondali del golfo.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close