Brolo

Truffa con…ipnosi

Brolo – Ha dell’inverosimile la storia accaduta a Brolo qualche giorno fa. Vittima di un’insolita truffa una donna di mezza età residente a Brolo, colpevole solo di essere caduta nella trappola di due affabulatori che, a detta degli inquirenti, avrebbero usato la tecnica dell’ipnosi per confondere la donna.

M a ripercorriamo con ordine i fatti. La signora, di mezza età e molto conosciuta a Brolo  si trovava, come spesso fa durante il pomeriggio, sul lungomare del paese, luogo frequentato da molte persone e nella bella stagione parecchio trafficato, dunque la scena si è consumata sotto gli occhi di numerosi passanti.

 

Due giovani, ben vestiti le si avvicinano per chiederle alcune informazioni relative ad un’azienda che si occupa di imprenditoria edile locale, poi le raccontano che è oggetto di una lascito testamentario. La donna, omonima di una nota azienda imprenditoriale edile, ci crede e viene convinta dai due a recarsi a casa a prelevare una somma di denaro per poter sbrigare tutte le pratiche notarili che le permetterebbero di avere accesso al lascito. Prima di compiere il prelievo, però, i due le dicono che hanno bisogno di una marca da bollo, per compiere  tutta la prassi burocratica, si sa.

I due, ha dichiarato la donna, le hanno detto di essere due funzionari di banca, cortesi, distinti, ma “frettolosi” li ha definiti lei a posteriori. La donna si reca con loro presso una rivendita di valori bollati, i due aspettano in auto, lei scende a comprare la marca da bollo richiestale e torna a casa insieme a loro.

Da questo momento in poi il vuoto, la vittima non ricorda più nulla, spariti anche 2.500 euro che aveva consegnato ai due “giovani distinti”. La donna ricorda solo di essere stata come “rapita” dalle parole dei due, dai loro gesti. Così per gli inquirenti scatta l’ipotesi della truffa con ipnosi, una tecnica molto diffusa di recente e che, a quanto pare, è arrivata anche a Brolo, dove cresce l’allarme per gli anziani e il loro possibile essere sottoposti a raggiri.

Sui fatti indagano i carabinieri di Brolo, che stanno visionando le telecamere di sicurezza e raccogliendo testimonianze tra gli habitué del lungomare e i gestori della rivendita di valori bollati in cui si è recata la donna.

 

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close