home

Presentata la lista “Insieme per cambiare”. Crollano i tanto decantati “toni pacati” ?

Capo d’Orlando – Presentata ieri sera la lista “Insieme per cambiare” a sostegno del candidato Sindaco Franco Ingrillì.

Una sala affollata, l’ex bar select in Piazza Garibaldi, ha fatto da cornice alla presentazione della lista “Insieme per cambiare” dei coordinatori Nuccio Portale e Massimo Carrello. Ad aprire gli interventi il consigliere di minoranza uscente Carmelo Galipò che ha ricordato la collaborazione intrattenuta con l’attuale amministrazione nonostante le diverse posizioni. Il progetto politico di Galipò si mantiene coerente visto che è attualmente l’unico consigliere comunale eletto alle amministrative del 2011 nella lista che sosteneva la candidatura a Sindaco di Massimo Carrello.

galipò

Successivamente hanno preso la parola una visibilmente emozionata Giada Iuculano, Carmelo Bucale e l’ingegner Salvatore Sanseverino che sino alla fine dello scorso anno faceva parte dell’associazione “Paese Parallelo” portando avanti battaglie come il caro metano ed il caro rifiuti ma che oggi non sembra più condividere quelle iniziative che andavano contro l’attuale Sindaco Sindoni che ieri ha elogiato riconoscendone tuttavia qualche errore ma apprezzandone l’attività amministrativa.

presentazione 04

Dopo una pausa “politica” di cinque anni ritorna con Massimo Carrello anche Rosario Abate che nel suo accorato intervento ha voluto spiegare le motivazioni delle sue scelte nel 2011 quando sostenne Renato Mangano e non il candidato Sindaco oggi coordinatore della sua lista. Un ritorno fatto di ammirazione e amicizia nei confronti di Massimo Carrello. Abate, infatti, nel 2003, quando venne eletto Sindaco proprio Carrello, era stato uno dei suoi più grandi sostenitori. Il suo ricordo all’ex assessore Stancampiano ha commosso e riscosso un sincero e prolungato applauso.

sarino abate

Invitato a parlare anche l’attuale Sindaco Enzo Sindoni che nel suo breve intervento ha parlato della rivalutazione del Borgo di San Gregorio riferendosi però a Salvatore Librizzi e Daniela Trifilò. “Non viene valorizzato come sostengono alcuni dei candidati della parte opposta? Ma perché non si dice che l’ex “Movida” non viene abbattuto ed è di proprietà del candidato sindaco della parte avversa. Daniela Trifilò, invece è dall’altra parte: forse perché abbiamo impedito al marito, Sarino Damiano, la sopra elevazione di un piano a San Gregorio?”.

sindoni carrello

L’intervento di Massimo Carrello è stato dirompente. Un attacco frontale nei confronti di Salvatore Librizzi accusato di aver fatto cadere la sua amministrazione nel dicembre del 2005 e non Enzo Sindoni che invece aveva chiesto di fare pulizia all’interno della sua coalizione anche se tra i 14 consiglieri comunali che misero fine alla sindacatura Carrello c’erano anche quelli di opposizione al tempo come Aldo Sergio Leggio, Salvatore Letizia e Melo Merendino. Naturalmente con alcune firme della maggioranza la mozione passò.

Probabilmente ancora mosso da quanto avvenne nel 2005 Massimo Carrello ci è andato giù pesante dichiarando che la Democrazia Cristiana di Capo d’Orlando, alle europee del 1989, (l’attuale candidato Sindaco aveva 24 anni ed era iscritto allo Scudo Crociato ndr) votò e fece votare per Salvo Lima affermando che “oggi questi signori fanno la campagna elettorale con la foto di Falcone e Borsellino nella sede”.

“Lui (Librizzi ndr) si fa chiamare Avvocato, ha continuato Carrello nel suo intervento, mentre noi abbiamo Enzo come sindaco ed avremo Franco”.

presentazione

A chiudere gli interventi Franco Ingrillì che ha mantenuto la sua consueta e apprezzabile calma discutendo più sui contenuti che sui ricordi o gli scontri. Qualche frecciatina all’avversario non è comunque mancata chiedendo ad alta voce dove fosse il suo programma elettorale mentre “quello nostro è qui e lo potete consultare”.

La presentazione della lista si è chiusa con un rinfresco offerto ai partecipanti.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close