GIANLUCA BASILE

Basile a “Repubblica” dice addio alla pallacanestro: “Mi fermo a Capo d’Orlando”

Capo d’Orlando – “Sicuramente mi fermerò qua per qualche anno. Le mie figlie si sono ambientate bene e poi non ho una meta in mente. Rientrare a Ruvo no perché lì non ho nemmeno una casa dove stare tutti insieme”.

Gianluca Basile dice addio alla pallacanestro? E’ stato pubblicata questa mattina una intervista al campione pugliese su repubblica dove lo stesso lascia intendere che al momento è propenso per dire basta. Le domande poste da Claudio Reale sono dirette e precise e le risposte altrettanto esaustive.

Aveva detto che a fine stagione avrebbe valutato cosa fare della sua carriera. Fine stagione è arrivata. Cosa farà l’anno prossimo?

“L’anno scorso in questo periodo ero più convinto di continuare che di smettere. Quest’anno avrei più voglia di smettere che di continuare. Ogni anno si fa sempre più dura, anche se nelle ultime sette, otto partite, dalla Virtus in poi, con la squadra al completo, sono stato meglio. Mi sento bene, ma devo essere realista, Ok, l’esperienza, ma poi devi correre, devi saltare, devi difendere e si fa veramente dura. Vediamo un po’: finiamo questo campionato e dopo con calma vedrò cosa fare”.

Ci pare di capire, però, che se dovesse decidere adesso sarebbe orientato più verso il ritiro?

“Si”

Se dovesse ritirarsi cosa pensa di fare dopo?

“Bella domanda. Dovrei trovare un lavoro nel basket, ma da oggi non ne ho tanta di voglia. Non è facile fare l’allenatore, non è facile fare il responsabile delle giovanili o il direttore sportivo. Quando mi sento che ho dubbi su una cosa non mi mi butto. Non ho voglia di rischiare a questo punto della mia vita. Anche perché non sono nelle condizioni di dover per forza trovare un incarico. Non ho fretta. Per adesso potrei anche prendere una pausa e poi vediamo”.

Una pausa a Capo d’Orlando?

“Sicuramente mi fermerò qua per qualche anno. Le mie figlie si sono ambientate bene e poi non ho una meta in mente. Rientrare a Ruvo no perché lì non ho nemmeno una casa dove stare tutti insieme. Potrei rientrare in Spagna ma è complicato perché le bambine non conoscono lo spagnolo e dovrebbero inserirsi un’altra volta. La soluzione più tranquilla è qui”.

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close