Halaesa

Progetto Halaesa: tra scoperta e futuro

Tusa – “Dall’ellenizzazione alla cristianizzazione – evoluzione di una città della Sicilia” si chiama così il progetto di scavi e valorizzazione di Halaesa per il quadriennio 2016-2019.

A Palermo il sindaco di Tusa Tudisca ha incassato un altro via libera per la missione di ricerca scientifica sul sito archeologico che permetterà di completare ed arricchire le conoscenze del mondo urbano in Sicilia, in tutte le sue componenti, architettoniche e materiali. Non si tratta, dunque, di procedere allo scavo di un monumento, ma di studiare una città, dalla sua creazione all’epoca greca (V sec.a.C.) fino al suo declino ed abbandono, all’inizio dell’epoca medievale (IX sec. d.C.).

Il partenariato di progetto: per l’Italia l’assessorato dei beni culturali e dell’identità siciliana, la soprintendenza ai beni culturali ed ambientali di Messina, il museo delle tradizioni silvo-pastorali di Mistretta, il comune di Tusa che contribuirà al finanziamento del progetto, e un’università siciliana. Per la Francia, il sostegno scientifico e finanziario del Labex Resmed (UMR 8167 «Orient & Méditerranée»), dei laboratori di ricerca TrAme d’Amiens (EA 4284 –UPJV) et HeRMA di Poitiers (EA 3811), e dell’Institut Universitaire de France (IUF). Gli studenti francesi, guidati da Michela Costanzi professoressa di storia ed archeologia greche all’università di Amiens e Vincent Michel docente di storia dell’arte e archeologia dell’antichità tardiva all’università di Poitiers metteranno sotto la lente di ingrandimento l’organizzazione e il contesto degli spazi urbani e le relazioni con il territorio. Un’attenzione particolare sarà riservata alla comunicazione scientifica e didattica dei risultati, con la realizzazione di convegni internazionali, di pubblicazioni e mostre.

Soddisfatto il sindaco di Tusa Angelo Tudisca che ha ribadito l’importanza del progetto e di una cabina di regia condivisa in cui ci siano anche le istituzioni locali “l’attività della missione archeologica – ha detto – servirà anche a creare un nuovo rapporto tra la popolazione, gli attori della cultura locale ed il loro patrimonio”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close