ProtezioneCivilePiraino

Il gruppo Protezione Civile vuole risposte!

Piraino – Nessuna risposta è ancora pervenuta ad oggi da parte degli amministratori al gruppo comunale di Protezione Civile.

Il 14 aprile scorso è stato inviato infatti al sindaco Gina Maniaci un comunicato dove la squadra di volontari, coordinati dal dottore Carlo Amato, lancia un appello mettendo in evidenza alcune problematiche urgenti da risolvere che rendono complicato lo svolgimento del proprio lavoro nei casi di emergenza. Le necessità riguardano la mancanza di una sede propria, di attrezzature e di vestiario. Ulteriore disagio è di conseguenza l’impossibilità nel poter garantire una formazione adeguata ai volontari, la quale si ritiene essere assolutamente necessaria. Essi attendono l’arrivo di una risposta da parte dell’Amministrazione alle richieste presenti nel documento, che possa togliere il dubbio che lo abbiano potuto cestinare.

Di seguito il testo del comunicato, protocollato presso il Comune di Piraino giorno 14 aprile 2016:

Con la presente per comunicare quali sono le esigenze e le necessità del Gruppo Comunale di Protezione Civile al fine di rendere operative le funzioni dello stesso.
1) Il Gruppo Comunale ad oggi è privo di una sede operativa propria.
La sede si rende necessaria per coordinare il lavoro del gruppo, rendere utile e operativa l’attività di segreteria onde evitare il dispendio di energie e di tempo, progettare il lavoro di formazione del gruppo, avere la possibilità di creare un centro di raccolta di quanto necessario nell’eventualità di gravi emergenze riguardanti non solo il nostro Comune ma l’intero territorio, diventare punto di riferimento dei volontari e dei cittadini tutti.
2) Formazione dei volontari.
E’ indispensabile che i volontari continuino la loro formazione, in particolare in alcuni settori chiave della protezione civile e cioè nell’antincendio e nelle telecomunicazioni. La formazione è indispensabile per tutti i volontari affinché si possano affrontare in maniera adeguata le emergenze importanti. Non si può operare concretamente senza formazione e senza capacità di organizzazione. Il gruppo di Protezione Civile non può improvvisare durante l’operatività reale. Senza formazione si è impreparati, incapaci e soprattutto non operativi.
3) Vestiario e mezzi
I volontari sono completamente sprovvisti di qualunque vestiario d’identificazione e, soprattutto, di protezione come previsto dallo Statuto e dall’Assessorato. In particolare si vuole porre attenzione sulla necessità che la squadra antincendio sia fornita delle necessarie divise senza le quali non è possibile compiere alcun servizio.
Il gruppo manca dei mezzi necessari con i quali poter mettere in atto le proprie funzioni (mezzi di trasporto, tende, computer ecc. ecc.).
Fermo restando, pertanto, la volontà di tutti i volontari a continuare a lavorare al fine esclusivo del benessere dei cittadini del nostro comune e dei comuni limitrofi, si chiede di fare in modo che l’attività del gruppo possa riprendere speditamente adeguando le esigenze necessarie onde evitare che nel tempo questo bene prezioso per la nostra comunità si disperda.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close