Michele-Perriera-2

Il 16 aprile presentazione del libro “Michele Perriera. La morte non vince la memoria”

Capo d’Orlando – Sabato 16 aprile alle ore 17 presso la sede dell’Associazione Culturale “P.M. Rosso di San Secondo in via Duca di Genova 18 verrà presentato il libro “Michele Perriera. La morte non vince la memoria” di Valeria Spallino.

All’incontro interverranno i relatori Alberto Samonà e Vittorio Alfieri e sarà presente l’autrice.

“Michele Perriera. La morte non vince la memoria” edito da Prova d’autore è un saggio che si pone l’obiettivo di essere definitorio della personalità di Perriera ma che soprattutto opera un approccio empatico alla sua figura. La Spallino crea attraverso la narrazione un efficace ritratto “in piedi e parlante” dell’uomo e dell’artista. Afferma infatti la figlia Giuditta: “Quello di Valeria non è soltanto un omaggio intenso e accurato ad un autore ma un incontro fra due belle anime, ed io le sono grata di avermi dato la possibilità di sentirmi ancora accarezzata dalla sua voce.”

Michela Perriera, nato a Palermo nel 1937 e scomparso nel 2010, è stato narratore, regista e autore di testi drammatici e molto vicino all’associazione orlandina diretta da Pippo Galipò. Tra i fondatori del Gruppo ‘63, ha diretto il teatro e la scuola di teatro Teatès di Palermo. Una delle personalità maggiormente poliedriche e visionarie di Palermo, un artista che ha vissuto quasi mezzo secolo di cultura e arte, dissacratorio, irriverente, originale, per nulla imbrigliato in un sistema culturale che tollerava a mala pena. Portatore di uno sperimentalismo continuo e di una ricerca di senso formale, culturale e stilistica attraverso i suoi lavori taglienti e travagliati tra cui la riscrittura de Il Gabbiano di Čechov (1981) e I pavoni (1984). “La letteratura e il teatro sono per me due diversi modi per articolare la stessa passione della scrittura e della scena” affermava l’autore, concezione che ritroviamo nei suoi lavori dove la ricerca della parola e lo scavo profondo di significato restituiscono una scrittura della memoria e delle invenzioni che ha segnato profondamente il panorama culturale italiano.

Valeria Spallino, è un architetto ed esercita la professione. La scrittura è una passione che coltiva fin dall’infanzia, prediligendo la poetica. Ha studiato arpa classica al Conservatorio di musica “Vincenzo Bellini” di Palermo e ha pubblicato la raccolta di versiNon io poeta, per Prova d’Autore, terza classificata al Premio Letterario Internazionale “Pablo Neruda” IV 2013/2014 oltre a numerosi saggi e contributi su vari testi.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close