lovano

Il fenomeno Joe Lovano omaggia il suo paese di origine. Ha vinto un Grammy Music Award

Alcara Li Fusi – Il Corpo Bandistico Municipale “G.Verdi” di Alcara Li Fusi, forte della sua lunga e profonda opera di cultura musicale operata in più di 100 anni nella propria comunità, è lieto di organizzare, con la compartecipazione del Comune, un grande ed unico evento musicale.

Infatti dal top della scena musicale internazionale, l’asso del sax Joe Lovano omaggia il suo paese d’origine, Alcara Li Fusi, la cittadina natale del padre (famiglia Lovano – Faraci).
Joe Lovano è un sassofonista statunitense, uno dei più sorprendenti ed apprezzati musicisti del jazz contemporaneo, un artista di fama internazionale e dotato di un particolare talento per la composizione: ha pubblicato 33 albums ed ha ricevuto prestigiosi premi, tra cui un Grammy Music Award.
Negli ultimi 50 anni ha collaborato con i migliori e più famosi artisti jazz mondiali e, con grande umiltà e generosità, ha accettato con entusiasmo il nostro invito:
il prossimo 19 Agosto JOE LOVANO lascerà gli USA e gli impegni internazionali appositamente per esibirsi ad Alcara Li Fusi, in un originale ed emozionante concerto che abbraccerà l’amore per la musica e per la sua amata terra d’origine.
Sarà accompagnato dalla cantante Judi Silvano e dal pianista Salvatore Bonafede.
————————–————————–————————–——-
“Uno dei più grandi musicisti jazz della storia”. Ecco come viene definito dall’eminente New York Times, Joe Salvatore Lovano in arte Joe Lovano.
Nato a Cleveland, in Ohio, il 29 dicembre del 1952, da genitori figli di emigrati siciliani, Joe Lovano rappresenta oggi, accanto a figure come quella di John Coltrane e Sonny Rollins, uno dei maggiori sax tenori nel panorama jazz mondiale.
Figlio d’arte, il padre Tony, meglio conosciuto come Big T, barbiere di giorno e musicista di notte, insieme ai fratelli, ha sicuramente creato l’ambiente ideale affinché si affacciasse nel mondo del jazz. Inizia a suonare il suo primo strumento all’età di 5 anni, i presupposti alla sperimentazione ci sono tutti.
Nel 1974 inizia un primo tour, il cui brillante risultato lo porterà alla sua prima incisione. È l’inizio di una carriera che lo vede spostarsi in ogni luogo dove si suoni jazz: i primi tour europei degli anni settanta gli permettono di condividere palcoscenici con i “grandi” e di calcare le scene anche da solista. E’ da subito considerato uno dei maggiori tenor-sassofonisti della scena musicale.
Dal 1991 entra a far parte dell’etichetta discografica storica Blue Note Records specializzata nella musica jazz. Lo stesso Bruce Lundvall, presidente della Blue Note, dichiarò di aver capito la versatilità e creatività di Joe Lovano sin dal suo primo ascolto.
La sua carriera non conosce momenti di pausa, si alterna infatti con i maestri dell’ambiente jazz più rappresentativi e viene invitato come guest star ai maggiori jazz festival mondiali.
Nel febbraio 2001, nel corso della 43a edizione del GRAMMY MUSIC AWARD, Joe si aggiudica il premio per la categoria “Large Jazz Ensemble Album”, con l’album “52nd Street Themes”: il tenorista americano domina sempre più la scena jazz internazionale.
Viene inoltre più volte votato come miglior sassofonista dai referendum della famosa rivista jazz statunitense Down Beat e viene plurinominato ai Grammy Awards per ben 4 album.
Il bimestrale JazzIt ed il mensile Jazzit News (riviste italiane specializzate in musica Jazz), hanno dedicato numerose copertine a Lovano, sinonimo della grande fama che il sassofonista gode anche in Italia tra gli appassionati ed i professionisti di questo genere musicale.
A Luigi Farina, per la rubrica ‘Musica con gusto’ del portale ‘spaghettitaliani.com‘, dice: “E’ importante interagire con gli altri, perché la musica jazz è rapportarsi con gli altri e per questo nel momento che interagisci con gli altri puoi crescere e puoi sentire sempre di più queste vibrazioni che vanno viaggiando. Il jazz è questo! Per esempio nella sezione ritmica è fondamentale che ognuno sia complementare e completi l’altro, ci sono dei momenti in cui ognuno è se stesso e fa sentire la sua voce senza disturbare l’altro, ma ognuno da la sua parte, completandosi a vicenda. Spesso i musicisti suonano allo stesso tempo, noi non suoniamo allo stesso tempo, noi suoniamo insieme”.
A G. Barbagallo di ‘Opinioni in corso’s blog’, Joe Lovano dice: “Per me il jazz è l’espressione gioiosa della vita e la bellissima interazione spontanea che può accadere all’interno della musica. Le mie radici siciliane alimentano la mia vita e la mia immaginazione, ma sono al 100% Siculo Americano, seconda generazione”.
Un artista a trecentosessanta gradi che attraverso la sua musica riesce a toccare l’anima di chi lo ascolta. Una persona che, pur vivendo lontano dalla terra che ha visto i natali dei suoi avi, non dimentica, anzi strenuamente rivendica, le proprie origini.

http://www.joelovano.com/
http://corpobandisticomunicipalealcara.weebly.com/alcara-jazz-music-joe-lovano-in-concert—19-agosto-2016.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Joe_Lovano
https://opinioniincorso.wordpress.com/articoli-giornalistici/nebrodi-in-the-usa-intervista-a-joe-lovano-un-mito-del-jazz/
http://www.spaghettitaliani.com/Articoli4/Articolo290.htm
http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/12/28/news/joe_lovano-103832177/

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close