Alberghiero-Brolo

Le associazioni non ci stanno: “Un brutto pensiero il suo Onorevole!”

Brolo – La questione Istituto Alberghiero sembra non avere mai fine. Dopo la raccolta firme di diverse associazioni per scongiurare l’istituzione di nuove classi al di fuori del territorio di Brolo, in un duro comunicato stampa, Per Brolo – Kronos – Cambia-Menti – 360° per Brolo e l’Associazione Culturale Sakbe si scagliano contro chi ha contestato, probabilmente in maniera privata e sui social, l’organizzazione della petizione. Di seguito il comunicato stampa integrale delle associazioni che, di certo, non sembrano mandarle a dire:

“La storia è passata anche da Brolo lasciandoci in eredità la libertà. La libertà trova la sua massima espressione nel diritto di pensiero e di parola ed il suo riconoscimento, ancor prima che nella norma, nel concetto di RISPETTO. Un uomo delle istituzioni che non mostra rispetto non riconosce i diritti.

La disinvoltura con cui in questi ultimi giorni e non solo, un esponente della deputazione locale lancia al nostro indirizzo espressioni ed “inviti” ad dir poco aberranti ci induce nostro malgrado, a rispondere nel merito ed anche nella forma.

Virgolettiamo le espressioni in oggetto –

“I soldi che si sono fottuti”. CHI? I promotori, i gruppi e le associazioni che hanno sostenuto la petizione o i 912 firmatari?

“Perché non fanno una bella raccolta firme per sapere se torneranno nelle casse comunali i soldi…”

Le chiediamo se la bizzarra petizione da Lei proposta, potrebbe mai riportare nelle casse comunali, i soldi.

O se, al contrario, fuori dalle trovate populiste intrise di becera demagogia, sia giusto attendere con fiducia, i provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria.

Ma volendo restare nell’ambito delle proposte bislacche: a chi dovrebbe essere indirizzata?

UN BRUTTO PENSIERO IL SUO, ESPRESSO ANCHE PEGGIO!

Dove, temiamo, la padronanza della lingua, incida veramente poco.

Ma come ci si permette di rivolgersi a dei cittadini che si sono mobilitati per la salvaguardia di una Scuola con questi toni, a dei cittadini, al servizio dei quali, si è chiamati dalla propria carica istituzionale, offesa dalle ormai recidive intemperanze verbali. Senza riservare il giusto rispetto alla magistratura a cui soltanto compete l’esame e la valutazione di fatti e il rilievo di responsabilità e rispetto ai quali un uomo dello Stato dovrebbe tenere, lui per primo, un riguardoso silenzio.

Accusa noi di “strumentalizzazioni!”

Quando è Lei e la sua Amministrazione ad utilizzare strumentalmente: MUTUI FANTASMI, SOLDI SPARITI, FINO A SPINGERVI A CHIEDERNE CONTO E RAGIONE A COMUNI CITTADINI CHE PONGONO L’ATTENZIONE SU QUESTIONI CHE RIGUARDANO L’INTERESSE DEL PAESE.

Dovremmo essere noi a chiedervi spiegazione di quanto e di come tutto questo sia potuto accadere mentre voi eravate dentro il Comune ed accusarvi di responsabilità politica quantomeno per una evidente culpa in vigilando. Come osate parlare di continuità, insinuare contiguità, con passati che non ci appartengono mentre noi non chiediamo a voi di quale continuità siete espressione?

A cosa mira questa costante pratica di eludere ogni domanda, ogni ragionamento, tirando fuori sempre le stesse questioni e utilizzando “pulpiti” reali e virtuali per offendere e tentare di macchiare la rispettabilità di persone perbene solo perché considerate avversari politici. Non è così che si difende e si amministra un paese che forse dimenticate vive in uno Stato di diritto!

Rispondete sulle questioni che vi vengono poste! Prendete in considerazione che si possa amministrare senza guerriglie e che cittadini di Brolo siamo tutti nessuno escluso!

“Ridicoli” perché “Smentiti dalla Preside e dal Commissario della Provincia”. NESSUNA SMENTITA E’ MAI STATA FATTA! Come dimostrano gli articoli, le interviste i selfie con cui Voi, adoperando la lingua italiana per giocare con i termini: “Spostare le aule “Chiusura dell’alberghiero”, avete affrontato e pensato di mettere a tacere la questione. Noi abbiamo chiesto in maniera inequivocabile di osteggiare l’idea e la volontà di istituire nuove classi dell’Alberghiero fuori dalla sua sede naturale per una ragionevole preoccupazione sulle sorti della nostra Scuola e mai abbiamo paventato l’immediata chiusura della stessa! La sottoscrizione dell’appello oltre i numerosi comunicati di questi giorni ne sono la prova documentale.

Potrete compiere scelte difformi, contestabili, inopportune o fortunate ma non potete rivolgervi ai cittadini come avete finora fatto.

Siamo indignati da questi atteggiamenti e vi diffidiamo dal proseguire in questa direzione.

L’affezione alla legalità e la dignità di Brolo è testimoniata dai tanti cittadini che questo paese l’hanno costruito e fatto crescere giorno dopo giorno, portando avanti, con onestà, il proprio lavoro e di cui molti di noi, si, che rappresentano la continuità e il non essere dalla vostra parte politica non toglie nulla alla loro onorabilità, sia chiaro!!!!

Concludiamo dicendo che, da cittadini, non vogliamo essere costretti a guardare la polverosa pellicola di un film sul vecchio Far West diviso tra “Ladri e Cacciatori di taglie” e per chiarezza, non intendiamo neppure pagare il biglietto!!!

P.S.: Un’ultima perplessità: come ha fatto il deputato Germanà, il cui nome non ci risulta essere nell’elenco dei destinatari ad entrare in possesso e pubblicare il documento in originale della nota del Commissario dott. Romano come la firma a colori, lascerebbe intendere?”

Brolo 8 Marzo 2016

Per Brolo – Kronos – Cambia-Menti – 360° per Brolo e l’Associazione Culturale Sakbe

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close