tecnis-foto-2-2

Maxi sequestro COGIP, tegola sul porto di Sant’Agata ?

Sant’Agata Militello – La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Catania, su richiesta della DDA etnea, che ha coordinato le relative indagini compiute dal ROS – Sezione Anticrimine di Catania,  ha disposto l’amministrazione giudiziaria di alcune ditte e tra queste anche della Cogip Holding Srl ed il sequestro delle relative quote ed azioni per un controvalore di circa 1,5 miliardi di euro. Proprio quella Cogip che dovrà realizzare il porto di Sant’Agata Militello.

Secondo l’ingegner Basilio Ridolfo si tratta comunque di una storia tutta da scrivere. Bisogna infatti adesso capire quali rami d’azienda hanno subito il sequestro e soprattutto se ci sarà un custode giudiziario e si procederà a “scorrimento”. Rimane il fatto che da oggi bisognerà rivalutare l’attuabilità del rapporto tra il Comune di Sant’Agata Militello e la Cogip soggetta insieme alla Tecnis SpA ed alla Artemis SpA, del maxi sequestro.

Il tecnico responsabile dell’ufficio Basilio Ridolfo continuerà comunque nell’avanzare con le procedure necessarie per la realizzazione dell’importante opere di certo non nata sotto la migliore stella dopo i ricorsi iniziali e alla luce dell’attuale situazione giudiziaria che ha coinvolto la ditta incaricata dell’esecuzione dei lavori.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close